Mystic Prophecy – Recensione: Metal Division

Parlando di power metal roccioso, i Mystic Prophecy meriterebbero una menzione. Furono uno dei gruppi di lancio del chitarrista greco Konstantinos Karamitroudis (meglio noto come Gus G.), stabilendo in seguito una carriera modesta tra album e varie defezioni nella formazione. Dal secondo album, “Regressus” (escludendo l’album di cover “Monuments Uncovered”), lo stile del gruppo è rimasto statico, proponendo un metal classico con qualche accenno hardcore con assoli shred e ritmiche veloci, ma l’originalità e la personalità ha sempre latitato nella loro proposta.

La title track inizia con un’introduzione di batteria e i tipici power-chord dal sapore alternative che il gruppo propone da più di un decennio (qualsiasi riferimento ai Manowar e gli In Flames è pienamente comprensibile). Dopodiché, abbiamo una nuova, ennesima serie di riempitivi con ritmi thrash (“Eye to Eye”, “Curse of the Slayer”, “Die with the Hammer”), mid-tempo dall’andamento roccioso e metalcore (tra cui “Dracula”, “Re-Incarnation” e “Hail to the King”, che guarda caso, condivide il titolo di un pezzo degli Avenged Sevenfold) e altri che simpatizzano col pop (“Here Comes the Winter”, “Together We Fall”, “Mirror of a Broken Heart”). Tuttavia, è difficile definire un’highlight, poiché tutti i brani, nonostante le differenze, si basano sulle stesse progressioni: un altro punto a sfavore è la voce di Roberto Dimitri Liapakis, ormai ridotta peggio dell’ultimo Lemmy Klimister.

I Mystic Prophecy non sono mai stati alfieri di novità, ma solo un gruppo affidabile per chi apprezza musica semplice e prevedibile. Il loro è un sound che porta gli ascoltatori a casa loro, ma coi tempi e le uscite che corrono, è quasi impossibile che attraggano una nuova generazione di ascoltatori in futuro.

Etichetta: Rock of Angels Records

Anno: 2020

Tracklist: 01. Metal Division 02. Eye to Eye 03. Hail to the King 04. Here Comes the Winter 05. Curse of the Slayer 06. Dracula 07. Together We Fall 08. Die with the Hammer 09. Reincarnation 10. Mirror of a Broken Heart 11. Victory Is Mine

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login