Phoenix Rising – Recensione: MMXII

Arrivano fuori tempo massimo i Phoenix Rising. Ed è un vero peccato, perché il symphonic power metal della band iberica è di tutto rispetto e se “MMXII” fosse uscito una dozzina d’anni fa, avrebbe fatto sfracelli. Ora che il genere è in fase stagnante e le vendite dei dischi sono colate a picco, questo lavoro d’esordio del quintetto di Madrid è destinato a finire solo nella collezione dei fanatici di Rhapsody Of Fire, Heavenly e Dark Moor.

Le otto canzoni contenute in “MMXII” posseggono tutti quei clichè, nel bene e nel male, che contraddistinguono il genere, tra orchestrazioni magniloquenti, cori pomposi e melodie epiche, tra guitar solo al fulmicotone e clavicembali brillanti. Ok, tutta roba già sentita un’infinità di volte, ma i Phoenix Rising hanno le capacità per risultare coinvolgenti. L’opener “Agoraphobia” si adagia su un letto di martellante doppiacassa, mentre il vocalist si propone sulle solite tonalità alte. Ecco, se proprio dobbiamo trovare un difetto in “MMXII” sta proprio nell’interpretazione di Miguel, che spesso si impegola nel ricercare note fin troppo sopra al proprio range, rischiando di perdere in intensità ed espressività. Il disco risulta compatto, veloce, dinamico ed arioso, ma non manca la ballatona di turno (“Abandon”) ed una digressione folk in stile Blind Guardian / Elvenking, “Fury and Rage”, in cui un furioso violino solista tira le fila del discorso, inseguito dagli altri strumenti. La parte migliore di “MMXII” sta sicuramente in coda, nella lunghissima “Nova Era”, che vagamente ricorda le suite presenti nei primi lavori dei Rhapsody, tra cori gregoriani in latino, passaggi noeoclassici e stop ‘n go in cui si insinuano duelli chitarra – tastiera di pregevole fattura.

I Phoenix Rising confezionano un debutto assolutamente all’altezza, divertente, seppur basso nella colonnina dell’originalità. “MMXII” è un disco che non ha quello spessore per scalfire il tempo, ma qualche ascolto nel vostro lettore cd lo merita senz’altro.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Sonic Attack

Anno: 2012

Tracklist:
  • 1.Tenebris Revelantur 2:17 (intro)
  • 2.Agoraphobia 5:19
  • 3.The Chosen One 6:05
  • 4.Last Eternal Night 5:49
  • 5.Fury and Rage 4:09
  • 6.My Love still remains 4:55
  • 7.Abadon 6:26
  • 8.Exodus 1:27 (intro)
  • 9.Lost Souls 5:32
  • 10.Nova Era 11:21

Sito Web: http://www.phoenixrisingmetal.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login