The Sorrow – Recensione: Misery-Escape

Gli austriaci The Sorrow soffrono del problema comune alla grande maggioranza delle band metalcore: la mancanza pressoché totale di punti distintivi, l’uso stucchevole e reiterato di melodie dal timbro adolescenziale e la presunzione fastidiosa nel rifiutare qualsiasi tipo di evoluzione dagli elementi base del genere.

Non si possono accusare di essere musicisti di scarsa preparazione e quattro album di successo apprezzabile sono lì a dimostrarlo, ma la musica dei The Sorrow rimane una miscela ruffiana e poco convincente dei soliti elementi triti e ritriti.

Praticamente ogni brano ricalca standard facilmente riconoscibili: riffing di derivazione melodic death, breakdown tipicamente hardcore accompagnate da urla belluine e aperture melodiche sempre simili tra loro e riconducibili a tutte le altre band di genere (possibile che nessuno riesca a trovare linee vocali diverse?).

Qui si va ben oltre la mancanza di originalità o anche solo di personalità; pare davvero che formazioni come i The Sorrow e molti altri si dilettino a reinterpretare più o meno le stesse canzoni per sfidarsi a chi riesce a fare di meglio (o di peggio).

Se la prendiamo sotto questa ottica dobbiamo riconoscere ai The Sorrow di far bene il loro mestiere, suonando brani insopportabili nella sostanza, ma sempre eseguiti con maestria sopra la media e un’alternanza di elementi che copre almeno tutta la gamma disponibile.

Probabilmente i più convinti amanti del genere avranno di che essere contenti, ma a noi rimane l’idea che uscita dopo uscita questo zoccolo duro si vada a limare progressivamente. E con motivazioni più che valide.

Voto recensore
5
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2012

Tracklist:

01. Retracing Memories
02. The Escape
03. Burial Bridge
04. My Oblivion
05. A Reason
06. Buried In The Deep
07. A Thin Red Line
08. Perspectives
09. Lost Chapters
10. Dead Home
11. Follow The Lights
Limited-edition bonus tracks:
12. Nails & Daggers
13. Hold on Hope


Sito Web: https://www.facebook.com/thesorrowofficial

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login