Mike Tramp – Recensione: Nomad

Con questo lavoro, Mike Tramp chiude una trilogia che è andata avanti regolarmente al ritmo di un disco l’anno. Se però “Cobblestone Street” era un disco interessante e dai contenuti positivi, mentre “Museum” segnava un passo indietro e sembrava più frutto di una necessità che di una vera ispirazione, con “Nomad” si torna a buoni livelli sotto tutti i fronti.

Il rock acustico che ormai da anni contraddistingue lo stile dell’ex White Lion si solidifica e si consolida in linee melodiche interessanti e un po’ più pesanti rispetto al lavoro precedente, dove la chitarra elettrica praticamente non esisteva. Inoltre, si notano a più riprese intersezioni con country, blues e southern rock, che rendono l’album molto più ricco rispetto agli ultimi due lavori.

Di tutta la trilogia, “Nomad” è senza dubbio il capitolo meglio riuscito, grazie a una manciata di brani interessanti e ben caratterizzati. Come per gli album precedenti, anche questa volta i testi sembrano avere contenuti molto personali e mostrano un Mike Tramp sempre più votato alla causa della nonviolenza e del “carpe diem”; ecco quindi che “Give It All You Got” ci invita a non arrenderci mai, “Wait Till Forever” ricorda quanto sia importante non aspettare troppo per dedicarci alle cose che amiamo, “No More” riprende temi pacifisti già cari ai White Lion e denuncia il diffondersi delle armi, mentre “Bow And Obey” è piena di riferimenti all’infanzia perduta e al senso di libertà suscitato da quei ricordi. Molto interessanti anche “High Like A Mountain” grazie al suo dialogo tra voce e chitarra, e “Counting The Hours”, che rimane uno dei brani più significativi del full length.

Questa volta Mike Tramp ha fatto centro sotto tutti i punti di vista, ha realizzato un lavoro che si ascolta volentieri più volte, semplice nella struttura ma profondo nei contenuti,  un aspetto caratterizzante il suo stile da sempre. Ancora una volta, la sua voce inconfondibile accompagna le riflessioni personali di un musicista da sempre fuori dagli schemi.

Voto recensore
7
Etichetta: Target Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. Give It All You Got
02. Wait Till Forever
03. Counting The Hours
04. Bow And Obey
05. High Like A Mountain
06. No More
07. Stay
08. Who Can You Believe
09. Live To Tell
10. Moving On


Sito Web: https://www.facebook.com/MikeTrampOfficial?fref=ts

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login