Michael Monroe – Recensione: Blackout States

Dopo l’antipasto rappresentato dal singolo e video di “Old King’s Road” finalmente abbiamo a disposizione l’intero full-length album di Michael MonroeBlackout States” che esce a distanza di due anni dal pluri premiato “Horns And Halos”.

Ad accompagnare ormai in pianta stabile il frontman finlandese troviamo l’ex Hanoi Rocks Sami Yaffa al basso, Steve Conte alla chitarra (New York Dolls, Company Of Wolves), Rich Jones alla seconda chitarra al posto di Dregen dei Backyard Babies e Karl Rockfist (Chelsea Smiles/Danzig) alla batteria. E’ indubbio che l’alchimia all’interno della band sia forte e a prova di questo abbiamo tredici valide composizioni che lo dimostrano. Il sound come sempre è un riuscito mix di schietto e grintoso street rock, contaminato dal migliore punk di matrice newyorkese, il tutto arricchito da melodie vincenti e da un retrogusto glam degli anni settanta che aggiunge più colore al tutto. Questa volta troviamo un maggiore e marcato uso delle melodie in questo “Blackout States” che bilanciano in modo sapiente l’irruenza di tracce come “This Ain’t No Love Song” e “Good Old Bad Days”. “Goin’ Down With The Ship” è una composizione beffarda e ruffiana quanto basta da conquistare subito dal primo ascolto, mentre la breve “R.L.F.” invece è un assalto sonoro punk micidiale, tanto veloce quanto efficace e letale. “Keep You Eye On You” è una power ballad che spiazza per la sua disarmante semplicità, mentre “The Bastard’s Bash” scatena l’ennesima pioggia di energia elettrica in un concentrato di ruvido e sporco street rock impreziosito dalla indiavolata armonica di Monroe.

Under The Northern Lights” originariamente composta negli anni novanta da Dee Dee Ramone, amico di lunga data del frontman finlandese, viene quì riarrangiata e prende vita in un brano squisitamente vecchio stile che predilige movenze graffianti e suadenti, ma che colpisce anche grazie ad un’ottima  produzione a cura di Chips Kiesbye (Hellacopters, Nomads).

In chiusura troviamo uno dei pezzi migliori dell’album “Walk Away”, il preferito di Monroe tra l’altro, una traccia che ricorda i migliori Demolition 23 in una miscela di selvaggio punk rock made in New York che conferma uno dei ritorni più attesi dell’anno e che ogni rocker che si rispetti dovrebbe fare suo all’istante.

Voto recensore
8
Etichetta: Spinefarm Records

Anno: 2015

Tracklist:

01. This Ain’t No Love Song
02. Old King’s Road
03. Goin’ Down With The Ship
04. Keep Your Eye On You
05. The Bastard’s Bash
06. Good Old Bad Days
07. R.L.F.
08. Blackout States
09. Under The Northern Lights
10. Permanent Youth
11. Dead Hearts On Denmark Street
12. Six Feet In The Ground
13. Walk Away


Sito Web: http://www.michaelmonroe.com/site/

eva.cociani

view all posts

Amo la musica a 360 gradi, non mi piace avere etichette addosso, le trovo limitanti e antiquate, prediligo lo street, il glam e anche il goth, ma non disdegno nulla basta che provochi emozioni. Ossessionata dalle serie tv, dalla fotografia, dai viaggi e dai live show mi identifico con il motto: “Live the life to the fullest”.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login