Emberstorm – Recensione: Memories Of Time

Gli svedesi Emberstorm nascono nel 2006, e ad oggi la loro storia è molto confusa. I continui cambi di line up non hanno ancora portato ad una formazione finale, infatti Peter Stromberg (chitarrista e fondatore) e Peter Selin (voce) sono ancora impegnati nella ricerca di un batterista e di un bassista, che li accompagnino in questa avventura. Questo gruppo ci propone un symphonic neo-classical metal molto versatile, le loro sonorità sono varie e spaziano dai riff di chitarra tipici degli anni 80 ad arrangiamenti arricchiti dall’uso di numerose tastiere ed una batteria che li spinge a sfiorare i confini del progressive. Con questo album Stromberg ha dimostrato di essere un ottimo chitarrista e un ottimo compositore, se riusciranno a trovare gli elementi mancanti ed iniziare così a proporsi anche in sede live, canzoni come “Day Of Destiny” e “Tides Of New Belief” faranno sicuramente scatenare le folle in ondate di headbang. Ma l’album non manca anche di tracce melodiche, come “The Winter’s Night Of Fate” che invita a “sprecare” un po’ di gas degli accendini. La prestazione di tutti i musicisti che hanno partecipato alla registrazione di questo LP è superba, e il missaggio è molto buono, anche se il basso è difficilmente udibile, l’unica pecca è l’utilizzo di una batteria campionata, data la mancanza di un batterista. Il duo svedese merita sicuramente la piena sufficienza ed i miei migliori auguri per la loro ricerca degli elementi mancanti.

Voto recensore
7
Etichetta: Autoproduzione

Anno: 2010

Tracklist: 01. Never Ending
02. Elegy For Lady Servile
03. Cursed For Eternity
04. Horizon’s Call
05. Day Of Destiny
06. The Winter’s Night Of Fate
07. Emberstorm
08. Tides Of No Belief
09. Out Of Reach

Sito Web: http://www.myspace.com/officialemberstorm

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login