Header Unit

Marty Friedman – Recensione: Dragon’s Kiss

Dopo aver scosso il mondo chitarristico insieme all’amico Jason Becker con quei Cacophony, scoperti dal guru Mike Varney (Shrapnel), e autori di soli due album diventati dei classici (“Speed Metal Symphony” e “Go Off!”) Marty Friedman pubblicò (ben prima del suo approdo nei Megadeth, delle sperimentazioni soliste e dell’infatuazione per il Giappone) quello che, senza mezzi termini, può essere considerato uno dei migliori album per chitarra elettrica mia partorito nonostante una durata di poco più di 35 min.

La rullata perentoria di Deen Castronovo (musicista utilizzato da molti chitarristi solisti come Steve Vai, Joey Tafolla, Tony MacAlpine e James Murphy) introduce “Saturation Point” pezzo che non vive di solo shredding ma anzi soprattutto di variazioni ritmiche e di un lirismo (mutuato da studi classici) che ha portato il riccioluto musicista nell’Olimpo della chitarra rock; proprio Becker è qui presente come ospite unico alla chitarra (come anche nella struggente “Jewel”) a cementare una collaborazione inestricabile che nello stesso anno aveva dato vita al capolavoro “Go Off!”

“Dragon Mistress” è più cadenzata ma la storia non cambia per quanto concerne l’intensità emotiva del gustar work del nostro mentre “Evil Thrill” ha un inizio doom con melodie sinistre alla Mercyful Fate per poi lanciarsi in una corsa a perdifiato tra lick velocissimi e un sentimento mai domo.

“Forbidden City” è il capolavoro assoluto di “Dragon’s Kiss”, con un Friedman magnetico negli assolo su una struttura più variegata che negli altri pezzi; la velocità della porzione centrale sembra quella di un album thrash/death e l’uscita verso l’epico finale è ancor più entusiasmante con un lavoro sul manico che ha un che di tentacolare.

Album imprescindibile per tutti gli estimatori dei guitar hero ma anche per tutti coloro che semplicemente amano il metal melodico e al contempo possente, pur senza l’apporto di una voce guida.

Etichetta: Roadrunner Records

Anno: 1988

Tracklist: 01. Saturation Point 02. Dragon Mistress 03. Evil Thrill 04. Namida (Tears) 05. Anvils 06. Jewel 07. Forbidden City 08. Thunder March
Sito Web: https://www.facebook.com/martyfriedman.official

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login