Mantar – Recensione: The Modern Art of Setting Ablaze

C’è un’eleganza a dir poco regale nel terzo album dei Mantar (il secondo uscito per Nuclear Blast) che si manifesta a partire dallo splendido titolo, e che rende “The Modern Art of Setting Ablaze” (ancora le fiamme a fare da leitmotiv al duo di Bremen dopo “Death by Burning” e “Ode to The Flames“) un lavoro feroce e al tempo stesso estremamente affascinante. “Seek and Forget“, (citazione non casuale, immagino), è un esempio perfetto di questo nuovo approdo: da una parte è stoner roccioso e dall’altra, grazie ad una scrittura ponderata, uno dei pezzi più accessibili mai scritti dai due, come pure “The Formation of The Night“, che sarebbe bello sentire affidata al timbro blues di John Garcia. Il lavoro di rifinitura sulle canzoni in questi due anni è stato impegnativo, ma i risultati sono spesso all’altezza delle aspettative, ed a testimoniarlo ci sono “The Age of The Absurd“, spirale discendente contrappuntata da un magnifico riff di stampo Slayer, il cui ritmo aumenta fino a diventare una vertiginosa caduta verso il nulla, “The Funeral” omaggio ai primi Black Sabbath che si permette persino di sfoderare un cupo refrain, i passaggi Atomic Rooster di “Obey the Obscene” e lo sludge da manuale di “Taurus“. Peccato quindi che, di tanto in tanto, alla qualità subentri il mestiere, e che brani come “Mingard Serpents (The Season of The Failure)” o “Anti-Eternia” risultino solo delle piacevoli ripetizioni di quanto ascoltato in precedenza, o che “Teeth of The Sea” non sia una canzone aggressiva e coinvolgente come il titolo promette. Al netto di tutti questi difetti, comunque, con “The Modern Art of Setting Ablaze” i Mantar si confermano una delle migliori band sludge attualmente in circolazione, con le potenzialità per attrarre l’attenzione di un pubblico più ampio di quello che fino ad ora si è interessato a loro. In attesa di poter verificare dal vivo queste impressioni, il mio consiglio è quello di acquistare senza esitazioni questo disco.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2018

Tracklist: 01. The Knowing 02. Age Of The Absurd 03. Seek + Forget 04. Taurus 05. Midgard Serpent (Seasons Of Failure) 06. Dynasty Of Nails 07. Eternal Return 08. Obey The Obscene 09. Anti Eternia 10. The Formation Of Night 11. Teeth Of The Sea 12. The Funeral
Sito Web: https://mantar.bandcamp.com/album/the-modern-art-of-setting-ablaze

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login