Magnum – Recensione: The Serpent Rings

“Non si batte il classico” è una battuta presa da un film colto e raffinato come The Expendables 2, e come in quella pellicola, esistono dei rockers maturi che continuano a produrre musica eccellente e resiliente, che va al di là delle mode temporanee e rimane senza tempo.  Bob Catley e Tony Clarkin appartengono certamente a questa classe di highlanders, ed I loro Magnum sono passati, dal 1972, tra successi e tempeste improvise, arrivando negli ultimi anni a potersi considerare del tutto liberi di proporre quanto a loro piace di più, e cioè un hard rock melodico, compassato ma non “molle” ed arricchito da piccoli innesti progressive e liriche che spaziano dal fantasy ad argomenti più attuali.

Questo è il senso del loro ventunesimo platter, “The Serpent Rings”, incastonato nell’ottimo ed evocativo disegno di copertina del sempiterno Rodney Matthews, arrivato puntualmente con una scadenza di due anni da “Lost On The Road To Eternity”, con una sorpresa sostanziale nella line up, impreziosita dall’arrivo del celeberrimo bassista e produttore Dennis Ward (ex Pink Cream 69, Unisonic), consigliato ai nostri da un certo Tobias Sammet, ed altro tassello che va ad incidere sulla rocciosa solidità della band, insieme al talent sottostimato ma prezioso del tastierista Rick Benton.

Tutto questo per ribadire che abbiamo davanti a noi un buonissimo lavoro, ispirato e ben bilanciato, con qualche piccola sorpresa, come nel riff a là Malcolm Young di “Not Forgiven”, ma soprattutto mille certezze calde e rassicuranti, mai troppo banali o ripetitive. Pur non potendo ovviamente più sfornare capolavori epocali come “On a Storyteller’s Night” o “Wings Of Heaven”, i Magnum continuano a rappresentare una solidissima isola per gli amanti dell’hard rock di gran classe, e “ The Serpent Rings” li rappresenta oggi, in una forma ancora smagliante e inossidabile.

Etichetta: Steamhammer/SPV

Anno: 2020

Tracklist: 01.Where Are You Eden? 02.You Can't Run Faster Than Bullets 03.Madman or Messiah 04.The Archway of Tears 05.Not Forgiven 06.The Serpent Rings 07.House of Kings 08.The Great Unknown 09.Man 10.The Last One on Earth 11.Crimson on the White Sand
Sito Web: http://www.magnumonline.co.uk/

Antonino Blesi

view all posts

Ascolta metal dal 1983, ha 46 anni e non vuole certo smettere. La passione vince su tutto, e sarà anche scontato, ma la buona musica non morirà mai, finchè qualcuno continuerà a parlarne ed a canticchiare un vecchio refrain....

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login