Alfonzetti – Recensione: Machine

Seconda uscita discografica per il vocalist svedese Alfonzetti. Rispetto al precedente lavoro il nostro decide di dare un giro di vite in quanto a durezza, sterzando un po’ forzatamente nella direzione del rock alternativo. I risultati non sono in verità quanto di più incoraggiante, i brani suonano senza personalità e l’abbinata melodia/suoni ruvidi non ottiene altro che dare l’impressone di mancare di credibilità. Non si tratta infatti di una svolta tanto decisa da poter avvicinare un pubblico tralasciato con il debutto, ma contemporaneamente ci sono troppi spigoli per continuare a vestire i panni dell’hard rocker di lusso, in qualsiasi forma possibile. A salvare la baracca intervengono al solito la preparazione dei musicisti e qualche traccia più convincente come ad esempio la discreta ballad ‘Welcome To My Mind’, un po’ Soundgarden, un po’ Bon Jovi. Prendiamo ‘Machine’ come un album di passaggio, in attesa che il nostro prenda una decisione su cosa vuole fare da grande.

Voto recensore
5
Etichetta: MTM / Frontiers

Anno: 2002

Tracklist:

Tracklist: It Speaks / My Machine / Welcome To My Mind / Barbie Doll / Live In Sin / A Happy Guy / Boss Of Me / Give it all Away / The Bitter End / In The Groove (Live bonus track)


riccardo.manazza

view all posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login