Recensione: Long Live The Loud (That's Metal Lesson II)

Voto
utenti

-

Recensione: Long Live The Loud (That’s Metal Lesson II)

Powergod

Track Listing

01.Fall Out / Long Live The Loud (EXCITER)
02.Screams From The Grave (ABATTOIR)
03.Mind Over Metal (RAVEN)
04.Heavy Chains (LOUDNESS)
05.Bombs Of Death (HIRAX)
06.Rocking Through The Night (ROSY VISTA)
07.I’d Rather Be Spleeping (D.R.I.)
08.Ready To Rock (WENDY O’WILLIAMS)
09.Motormount (ANVIL)
10.Better Off Dead (HELLION)
11.Deathrider (OMEN)
12.Total Desaster (DESTRUCTION)
13.Cutt Your Heart Out (CUTT)
14.The War Drags Ever On (TANK)
15. Heavy Chains (LOUDNESS, Bonus Track – Performed by Minoru Niihara)

Vota questo album:

I tedeschi Powergod si riaffacciano sul mercato discografico con ‘Long Live The Loud’, quinto album in studio e secondo dedicato alle cover. ‘Long Live The Loud’ vede il combo mittel-europeo omaggiare alcuni mostri sacri del metal, pescando soprattutto tra rappresentanti dell’heavy classico e del thrash. Non mancano nomi altisonanti, quali i Loudness, gli Anvil, gli Exciter e i Destruction, ma la scaletta si rende varia andando a toccare alcuni acts davvero ‘d’èlite’ come Abattoir, Omen, Hellion e addirittura gli schizzatissimi Raven. I Powergod sono coadiuvati in questa impresa da alcuni musicisti che fanno o hanno fatto parte del nucleo originale delle band omaggiate. Citiamo tra gli altri John Gallagher dei Raven, Lips degli Anvil (chitarra e voce su ‘Motormount’), Schmier dei Destruction (voce su ‘Total Desaster’), Minoru Niihara dei Loudness (voce su ‘Heavy Chains’) oltre a Tom Angelripper dei Sodom (che invece è intento a duettare ‘The War Drags Ever On’dei Tank insieme al singer President Evil).

I Powergod rendono questo omaggio con professionalità e mestiere, inanellando una serie di cover per la maggior parte ben riuscite, soprattutto dove i brani originali vivono di ritmi veloci e pesanti. Escono dal coro i pezzi maggiormente melodici (‘Ready To Rock’ di Wendy O’Williams è stata totalmente deturpata!) ma il risultato finale è nel complesso apprezzabile.

Ci rimane solo qualche dubbio sull’utilità effettiva di un’uscita simile, che potrà suscitare interesse esclusivamente nei fan storici della band tedesca.

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login