Bai Bang – Recensione: Livin’ My Dream

Per il loro settimo album, ch esce a due anni di distanza dal precedente “Are You Ready”, gli svedesi Bai Bang decidono di rimanere fedeli alla loro linea compositiva, e realizzano un lavoro dignitoso, divertente al punto giusto, talmente spontaneo da risultare, a tratti, perfino ingenuo. Sorvoliamo, onde non essere troppo pignoli, sul fatto che, di dieci brani, la ripetitività di titoli come “Come On”, “Rock On” e “Rock It” farebbe pensare a una pochezza compositiva imbarazzante. Per fortuna i brani hanno una loro forma ben definita, che richiama, come era già successo per l’album precedente, il Bon Jovi degli anni ’80, ma in certi punti anche gruppi come Gotthard e House Of Shakira, questi ultimi in particolare per il frequente uso dei cori. Non ci sono questa volta ballad vere e proprie, ma solo l’alternanza fra mid tempo e brani decisamente più vivaci, accattivanti  e divertenti. “Stay” e “Come On”, entrambi appartenenti a questa seconda categoria, si possono considerare i brani meglio riusciti di tutto l’insieme. Non c’è niente di imperdibile, ma data anche la brevità del’album, “Livin’ My Dream” allieta e distoglie per un momento dalla routine quotidiana.

 

Voto recensore
6.5
Etichetta: AOR Heaven

Anno: 2011

Tracklist:

01. We’re United
02. Livin’ My Dream
03. Come On
04. Rock On
05. Stay
06. Gonna Have It All
07. Tonight
08. Rock It
09. Die For You
10. Put On Her Dress


Sito Web: http://www.myspace.com/baibang

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login