Boston – Recensione: Life, Love & Hope

Mi sono avvicinato a questo album fra l’emozionato e il prevenuto. Dopo la tragica scomparsa di Brad Delp, mi chiedevo se avesse senso riutilizzare il nome Boston. D’altra parte Delp aveva abbandonato già prima di “Corporate America” e i Boston sono prima di tutto la creatura di Scholz: in effetti bastano le prime note per ritrovare quelle sonorità che hanno reso inconfondibile il suo progetto. Tanto più suo, dato che su “Life, Love & Hope” suona tutti gli strumenti, oltre a cantare nella (bruttina) “Love Got Away” e come seconda voce in diversi altri episodi.

Difficile scindere l’efficacia della familiarità delle tessiture chitarristiche dalla scarsa qualità delle singole composizioni, che non vanno al di là dell’ordinario, a partire dalla carina ma nulla più “Heaven On Earth”. Vale più la sensazione di ritrovarsi a casa, e così tutto il resto passa in secondo piano, comprese alcune scelte quantomeno bizzarre, a partire di quella di includere “Didn’t Mean To Fall In Love”, estrapolata tale e quale dal precedente “Corporate America”. Dall’album precedente arrivano pure, con qualche ritocco, “Someone” e “You Gave Up On Love”. Quasi natalizia “Last Day Of School”, per il resto in più di qualche frangente si ha l’impressione di ascoltare un collage musicale con frammenti di memoria non ben collegati tra loro. La title track è, tra i brani presenti, quella che – assieme alla conclusiva “The Way You Look Tonight” – più è “inseribile” a pieno titolo nel repertorio della band, merito soprattutto di un riffing azzeccato e di una discreta interpretazione da parte di Tommy Decarlo. Buono, ma assolutamente lontano dalle coordinate musicali per i quali i Boston sono ricordati, il dolce mid-tempo “If You Were In Love”, intepretato da Kimberley Dahme. L’interpretazione di Delp, seppur alternata a quella della Dahme, rende tutto sommato godibile “Sail Away”, che di fatto è pure l’unica nuova traccia con la sua voce, appunto.

A conti fatti, “Life, Love & Hope” finisce per essere più che altro un’operazione-nostalgia, con l’aggravante che dall’album precedente ci sono voluti undici anni e con la certezza/conferma che i Boston della magia dell’esodio – ormai distante trentasette anni – purtroppo non torneranno più.

Voto recensore
5
Etichetta: Frontiers

Anno: 2013

Tracklist:

01. Heaven on Earth
02. Didn't Mean To Fall In Love
03. Last Day Of School
04. Sail Away
05. Life, Love & Hope
06. If You Were In Love
07. Someday
08. Love Got Away
09. Someone (2.0)
10. You Gave Up On Love (2.0)
11. The Way You Look Tonight


Sito Web: http://www.BandBoston.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login