Header Unit

Leprous – Recensione: Malina

Quando, qualche mese fa, è stato annunciato il tour autunnale che avrebbe visto i Leprous condividere il palco con gli incatalogabili Agent Fresco, c’era curiosità e anche stupore per l’accostamento tra due band stilisticamente “lontane” ma ora capiamo il perché  di questa operazione.

“Malina” si segnala infatti per un ulteriore evoluzione del sound dei norvegesi proseguendo sullo stile di “Coal” e “The Congregation” ma spostando ancor più in là le loro influenze prog rispetto agli esordi più robusti; “Bonneville” ma soprattutto i due singoli “Stuck” e “From The Flame” sono lì a sbatterci in faccia una proposta con punti di contatto coi primi Muse, i citati Agent Fresco e certo prog evoluto. Il loro stile, che ha sempre conglobato ritmiche ricercate, atmosfere malinconiche e “trovate” melodiche sembra oggi passato tramite un setaccio con l’intento di limare i dettagli futili alla riscoperta della forma canzone; chi si aspetta quindi ancora l’imprevedibilità di “Tall Poppy Syndrome” o “Bilateral” si deve mettere il cuore in pace perché i Leprous hanno definitivamente cambiato pelle (con conseguente aumento/diminuzione di fanbase).

Nonostante una certa semplificazione di fondo i norvegesi riescono a condire i pezzi con arrangiamenti sontuosi per ricercatezza e sapienza armonica e inoltre il nuovo lavoro si segnala per l’ingresso ufficiale del bassista Simen Børven (pulsante in “Mirage”) e del nuovo chitarrista Robin Ognedal che si integra benissimo con le ritmiche inusuali di Tor Oddmund Suhrke (“Captive”). Bello l’uso di nuovi suoni di tastiere da parte del leader Einar Solberg nell’ultimo singolo “Illuminate”.

“Leashes” è molto vicina al materiale dell’ultimo album da studio mentre il drumming di Baard Kolstad si fa furioso in “Coma”; chiudono il discorso gli archi di “The Last Milestone” per una band che oggi ancor più che in passato si ama o si odia ma sicuramente non lascia indifferenti, una band che si allontana in parte dal metal per divenire più genericamente “rock” ma che per il sottoscritto rimane dannatamente intrigante anche coadiuvata da un duo in sala registrazione e mixing come David Castillo e Jens Bogren che riesce a valorizzare senza snaturare le caratteristiche dei gruppi coi quali lavorano.

Io voto sì!

 

Voto recensore
8
Etichetta: Inside Out Music

Anno: 2017

Tracklist: 01. Bonneville 02. Stuck 03. From The Flame 04. Captive 05. Illuminate 06. Leashes 07. Mirage 08. Malina 09. Coma 10. The Weight Of Disaster 11. The Last Milestone
Sito Web: https://www.leprous.net/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login