Header Unit

Leaves’ Eyes – Recensione: “Sign Of The Dragonhead”

Dopo poco più di due anni dal primo album totalmente dedicato alla storia norvegese (tematica sempre presente ma mai con tale intensità) “Kings Of Kings” (settembre 2015) i Leaves’ Eyes tornano in scena apparentemente in linea con quanto iniziato con il precedente platter ed il nuovissimo “Sign Of The Dragonhead” è la seconda parte del concept dedicato a Harald Hårfagre, il re che unificò la nazione centinaia di anni fa.

In realtà quest’apparente continuità è segnata da uno strappo gigantesco; infatti la storica singer Liv Kristine non fa più parte della band ed è stata sostituita (non serza polemiche… infatti le interviste del leader Alexander Krull son ben poco amorevoli nei confronti della fuoriuscita) dalla comunque bravissima finlandese Elina Siirala (Angel Nation) che riesce a destreggiarsi agevolmente nei meandri delle linee vocali del gruppo.

Tornando invece ai punti di contatto con la precedente produzione ricordiamo l’ottimo artwork ancora ad opera di Stefan Heilemann (Epica, Kamelot, ecc.) che raffigura un drakkar in navigazione e pronto all’abbordaggio; inoltre anche la produzione ci riporta a quanto fatto con il fortunato predecessore.

Il symphonic metal del gruppo internazionale tutto sommato regge anche se qualche brano è meno brillante ma un fan del genere troverà pane per i propri denti.

Elina risulta ottima interprete della melliflua “Fairer Than The Sun”, della più varia e possente “Like A Mountain” (ottimi i cori) e di “Völva”, song in cui esplode la profondità espressiva della cantante.

Il lato folk viene ben rappresentato da brani come la marcia “Riders On The Wind” o la strumentale “Rulers Of Wind And Waves.”

La maestosità di “Shadows Of The Night”, “Sign Of The Dragonhead” ci donano i Leaves’ Eyes più classici. Non manca anche la cattiveria del vocione gutturale di Krull (anche tastiere) che emerge nella potente e guitar –oriented “Jomsborg” (fortezza presente sul mar Baltico ed abitata dal 960 al 1043 dai Jomsvikings) ed anche nella conclusiva e potente “Waves Of Euphoria”.

Complessivamente “Sign Of The Dragonhead” è in grado di soddisfare il palato degli amanti del symphonic metal più classico ed anche chi non disegna fusioni con il folk metal.

Voto recensore
6,5
Etichetta: AFM Records

Anno: 2018

Tracklist: 01. Sign Of The Dragonhead 02. Across The Sea 03. Like A Mountain 04. Jomsborg 05. Voelva 06. Riders On The Wind 07. Fairer Than The Sun 08. Shadows Of The Night 09. Rulers Of Wind And Waves 10. Fires In The North 11. Waves Of Euphoria
Sito Web: http://www.leaveseyes.de/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login