Lana Lane – Recensione: Lady Macbeth

Dopo una lunga serie di uscite che comprendevano collection di cover, live e DVD Lana Lane torna alla carica con tutta la sua cricca, finalmente, con un nuovo album da studio, che festeggia il decimo anniversario dall’uscita del primo CD.

‘Lady Macbeth’ ripresenta tutte le migliori carte del nucleo compositivo di heavy rock sinfonico che propone come propri pilastri l’elegante Lana Lane e il tastierista (e marito) Erik Norlander, come sempre accompagnati dai professionisti che hanno segnato le composizioni del combo, ossia, fra gli altri, Neil Citron (chitarra), Peer Vershuren (chitarra), Don Schiff (NS/Stick), Kristoffer Gildenlöw (basso direttamente dai prog god Pain Of Salvation), Mark McCrite (chitarra, voce) e Kelly Feeling (singer già presente sugli album solisti di Norlander).

Liricamente l’album si presenta come un concept imperniato sull’oscura e tragica figura femminile creata da William Shakespeare nel famosissimo ‘Macbeth’. A dir la verità risulta quanto meno azzardato coniugare le armonie aperte e solari, sentimentali e radiose di pezzi come ‘Someone To Believe’ o ‘Our Time Now’ alle atmosfere negative ed al tragico sentire del personaggio protagonista del teatro inglese.

Edrik Norlander dà il meglio anche a livello di produzione, forgiando un sound romantico ed elegante ma allo stesso tempo tagliente e potente (come nel caso della veloce, quasi power, ‘Keeper Of The Flame’… un highlight dell’album!), grazie anche agli assoli di assi come Peer Vershuren e Neil Citron.

Non mancano momenti più sognanti ed acustici come quelli rappresentati dalla cornice di ‘No Tomorrow’ (a dir la verità brano abbastanza monotono e noioso) o dalla soffusa, magnifica ‘Shine On Golden Sun’ (che colpisce soprattutto per il suadente e continuo aumento e decremento emozionale), così come aperture pompose e scintillanti quali quella rappresentata dalla fantasmagorica ‘The Dream That Never Ends’. Il promoCD presenta anche una godibile traccia video di ‘Someone To Believe’, un ottimo possibile singolo, che si riesce a memorizzare dopo il primo ascolto. Purtroppo tutto l’album non si mantiene su questi alti livelli (sono presenti alcune tracce un po’ noiose che non sembrano rientrare nel trademark di Lane e Norlander) e senz’altro la qualità di altri album di Lana Lane non viene qui raggiunta, ma siamo pur sempre di fronte ad un buon prodotto che piacerà senz’altro ai fan del gruppo.

Voto recensore
7
Etichetta: Frontiers

Anno: 2005

Tracklist: 01. The Dream That Never Ends
02. Someone To Believe
03. Our Time Now
04. Summon The Devil
05. No Tomorrow
06. Shine On Golden Sun
07. The Vision
08. Keeper Of The Flame
09. We Had The World
10 Dunsinane Walls

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login