KXM – Recensione: Scatterbrain

L’anomalo trio KXM formato da musicisti d’estrazione completamente diversa come George Lynch, Ray Luzier e dUg Pinnick trova il tempo di pubblicare (considerando le loro intense attività musicali principali) un secondo album per Rat Pack (la recensione del debut la trovate qui), facendolo curiosamente precedere dalla messa in rete di una serie di videoclip (“Blackout”, “Noises In The Sky”) prodotti con basso budget ma che hanno avuto funzione di teaser proprio per l’uscita di “Scatterbrain”. La chitarra stridente e tipicamente class hard rock di Lynch, il drumming groovy e fantasioso di Luzier e la voce profonda quasi quanto il suo basso di Pinnick sono al centro di queste composizioni che vanno a comporre un album forse eccessivamente prolisso ma irrorato di qualità intrinseca.

Si parte con il possente lavoro di doppia cassa di Luzier sulla title track con una produzione che ne esalta le dinamiche prima del lirismo assoluto del solo di un “Mr. Scary” mai a sufficienza incluso nelle liste dei chitarristi che contano;  nonostante l’album scivoli via piacevolmente questa formula è ripetuta in quasi tutte le tracce con risultati altalenanti senza mai scadere nella mediocrità.

Bello il ritmo percussivo di “Calypso” su un gran guitar work sublimato da un assolo da inserire nella fornitissima musicoteca di Lynch; un plauso particolare quando riesce ad inserire una parte solista shred nell’accelerazione di “Not A Single Word” pezzo altrimenti caratterizzato da un’andatura reggae o anche “It’s Never Enough” e “Together” caratterizzate da variazioni ritmiche importanti.

E’ interessante cogliere alcuni “giri” blues mascherati sotto uno strato spesso di modernità nei vari pezzi per un progetto, questo KXM, assolutamente da approcciare per ascoltatori che si dedicano ai più svariati generi: c’è una chitarra metal rock come quella di Lynch (Dokken, Lynch Mob) ammantata da un lirismo unico, c’è la batteria moderna di un Ray Luzier meno imbrigliato rispetto alle composizioni dei Korn e un hard rocker di razza come dUg Pinnick che con King’s X e altre decine di collaborazioni ha fatto conoscere il proprio valore già dagli anni ’80.

Consigliato.

 

Voto recensore
8
Etichetta: Rat Pak Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Scatterbrain 02. Breakout 03. Big Sky Country 04. Calypso 05. Not A Single Word 06. Obsession 07. Noises In The Sky 08. Panic Attack 09. It's Never Enough 10. True Deceivers 11. Stand 12. Together 13. Angel
Sito Web: https://www.facebook.com/KXMofficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login