Kvelertak – Recensione: Splid

Accompagnato da uno splendido artwork del rinomato John Dyer Baizley e con la performance del nuovo cantante Ivar Nikolaisen immortalata per la prima volta su disco, ecco arrivare a quattro anni dalla precedente release il nuovo album dei Kvelertak. “Splid” si dimostra da subito un lavoro solido e convincente, in cui il particolarissimo stile del sestetto norvegese emerge in tutta la sua peculiarità.

L’ultima opera della compagine scandinava è per l’appunto il consueto calderone di black, death’n’roll e sonorità alternative in generale, costituendo uno sfaccettato mosaico in grado di restituire le più variegate sensazioni sonore. Atmosfera, ritmo, melodia, potenza… il gruppo non risparmia proprio su nulla nel proporci la sua irresistibile miscela musicale.

Nel nuovo lavoro dell’ensemble di Stavanger troviamo infatti influenze e differenti stili per tutti i gusti. Citiamo ad esempio da subito come particolarmente pregevoli il flavour seventies della splendida “Bratebrann” (il capolavoro del lotto, a parere di chi scrive), l’immediato hardcore/punk di “Uglas Hegemoni” e la ricercatezza che si tramuta in sfuriata della lunga e folle “Fanden Ta Dette Hull!”.

Non mancano ovviamente nemmeno gli episodi più in linea col passato della band, quali la opener “Rogaland”, il singolo “Crack Of Doom” (impreziosito, ricordiamolo, dalla collaborazione di Troy Sanders dei Mastodon) e la secca “Necrosoft”. Menzioniamo per chiudere in bellezza anche l’intrigante atmosfera della sofisticata e più lieve “Tevling”.

Splid” non deluderà insomma tutti coloro che seguono i Kvelertak ormai da diverso tempo, offrendo loro la personalità che da sempre apprezzano e ricercano in questa originale creatura. Giunti proprio nel 2020 al decimo anno di carriera, i nostri tirano le somme di questi due lustri in gran spolvero e senza dubbio con ancora piacevoli sorprese da riservarci per il futuro.


                
Etichetta: Rise Records

Anno: 2020

Tracklist: 01. Rogaland 02. Crack Of Doom 03. Necrosoft 04. Discord 05. Bråtebrann 06. Uglas Hegemoni 07. Fanden Ta Dette Hull! 08. Tevling 09. Stevnemøte Med Satan 10. Delirium Tremens 11. Ved Bredden Av Nihil
Sito Web: https://www.kvelertak.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login