King Parrot – Recensione: Ugly Produce

Graditissimo ritorno per gli australiani King Parrot che col precedente “Dead Set” erano riusciti a convincere grazie ad una proposta violenta e tonica, frutto di una scelta stilistica attuale come non mai: ora è il tempo per il nuovo “Ugly Produce” su Agonia Records, dieci tracce dieci che lanciano di nuovo tonnellate di spazzatura nei giardini curati e lussureggianti della “società”.

Va detto subito a scanso di equivoci che l’album dividerà i pareri degli ascoltatori che lo affronteranno senza conoscere la band: grindcore dalle forti influenze thrash e hardcore con una voce acida ed urlata allo spasimo fin dall’iniziale “Entrapment”, un vero e proprio assalto frontale che mette in tavola le carte in possesso del combo. Accelerazioni repentine, tempeste di batteria e muri di suono gentile concessione degli strumenti a corda, martoriati a dovere: si vira verso un thrash ipervitaminico in “Piss Wreck” mentre le ritmiche serratissime la fanno da padrone in “Disgrace Yourself”, traccia in cui compaiono cori e un malevolo assolo di chitarra. “All Hail The Grub” fa aumentare la percentuale schizoide dei King Parrot, andando a ricordare i Converge, prima della mazzata “Ten Pounds Of Shit In A Five Pound Bag”, dall’inizio slayeriano, slabbrata e diretta tanto da assumere il piglio di un inno thrashcore; “Scattered” è punteggiata di rallentamenti che spezzano la tensione e fa salire man mano il coefficiente di gradimento verso questo “Ugly Produce”.

Se la prima parte del CD è gradevole e appetitosa, le ultime quattro tracce diventano un vero e proprio tsunami liberatorio ed incendiario, con “Now It Stokes Frenzy”, il giro da pogo quasi classico di “Numb Skull”, “Die Before You Die” e la finale “Spookin’ The Animals”, con tanto di comparse degli esseri viventi citati nel titolo.

Attitudine, marciume e suoni spinti riconfermano i King Parrot come una band assolutamente da tener d’occhio e “Ugly Produce” come un CD catartico in grado di soddisfare i palati avvezzi a questo genere esplosivo e diretto.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Agonia Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Entrapment 02. Piss Wreck 03. Disgrace Yourself 04. All Hail The Grub 05. Ten Pounds Of Shit In A Five Pound Bag 06. Scattered 07. Now It Stokes Frenzy 08. Numb Skull 09. Die Before You Die 10. Spookin’ The Animals
Sito Web: https://www.facebook.com/kingparrotband/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login