Junkyard Drive – Recensione: Black Coffee

Giunti al secondo album i Junkyard Drive capitanati da Kristian Johansen e Ben Hoyer e forti del riscontri ottenuti dalla hit song “George” tratta dal debutto “Sin & Tonic” uscito nel 2017 tornano a farsi sentire con undici composizioni nuove di zecca di hard rock roccioso ad alto tasso adrenalinico ben bilanciate a parti melodiche ricercate e mai banali. Basta sentire l’opener “Time Is Over” per farsi un’idea dell’energia che la band danese è in grado di trasmettere in un brano che colpisce in un costante crescendo di sensazioni e di cambi di ritmo e non da meno la successiva “Sweet Little Dreamer” in cui si accentua ancora di più l’influenza delle sonorità a stelle strisce.

Altra bella bordata di frizzante e vivace rock’n’roll è la vibrante “Sucker For Your Love”, mentre nella cadenzata “Make Up Your Mind” veniamo travolti dall’imponente wall of sound eretto dal five-piece. “Backseat Baby” è sicuramente uno dei pezzi migliori di questo lavoro, una scheggia impazzita, impetuosa come una corsa a folle velocità sulla Route 69 in sella ad una fiammeggiante Harley Davidson. Dopo tanta foga è tempo di rilassarsi con la ballad “Way Too Long” e l’intensa “Through The Door” in cui si evidenziano anche le ottime capacità vocali e doti interpretative del bravo Kristian Johansen, ma la calma dura poco si riparte subito dopo  con la dinamica e decisa  Same Old Story” caratterizzata da un ritornello incisivo e di forte presa.

Ma è proprio verso la fine che troviamo altre gemme impazzite come “Wasted Nights”, irresistibile rock’n’roll all’ennesima potenza a cui non resta altro che abbandonarsi o alla indiavolata e strumentale “See You Next Time” che fa salire ancora di più la temperatura e da una botta di energia proprio come un buon caffè nero. Davvero una bella sorpresa questo lavoro dei Junkyard Drive che seppur influenzato dalle sonorità made in Usa riesce a stare al passo con i tempi e a risultare davvero interessante. Da sottolineare anche che l’album è stato registrato a Copenhagen ai Medley Studios con il produttore Soren Andersen (Glenn Hughes, Mike Tramp, Jesper Binzer).

Voto recensore
7,5
Etichetta: Mighty Music

Anno: 2018

Tracklist: 01. Time Is Over 02. Sweet Little Dreamer 03. Sucker For Your Love 04. Make Up Your Mind 05. Backseat Baby 06. Way Too Long 07. Through The Door 08. Same Old Story 09. Wasted Nights 10. Where I Belong 11. See You Next Time
Sito Web: https://www.facebook.com/junkyarddriveofficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login