Mind Key – Recensione: Journey Of A Rough Diamond

I partenopei Mind Key sono al loro esordio discografico dopo un solo demo (‘Welcome To Another Reality’ del 2000) che è valso loro un deal con la conterranea Frontiers (la quale mantiene un ritmo di produzione invidiabile). L’obiettivo di questo gruppo di ragazzi è sempre stato quello di creare un mix che dosasse equamente prog-metal con melodie e forma canzone più delineate; il risultato si direbbe discretamente raggiunto in virtù di una proposta non platealmente originale ma ben realizzata ed eseguita. ‘Secret Dream’ è chiaramente (come buona parte del CD) influenzata dai Dream Theater più tecnici per una resa molto vicina ai veneti Stramonio: la voce del singer Mark Basile, una specie di incrocio tra Mike Vescera e Michael O’Mara (M-Pire/Talon) nonostante sia quasi costantemente settata su toni acuti risulta convincente soprattutto nelle parti più aggressive. Ottima anche la prova del tastierista Dario De Cicco che nelle aperture pianistiche (e nel suo operato in genere) ricorda da vicino Jordan Rudess. Nonostante quindi siano abbondantemente presenti (e volutamente non celati) i cliché del genere, i Mind Key si fanno apprezzare per una certa freschezza, soprattutto melodica: a riprova di ciò, i continui sconfinamenti in ambito prettamente hard rock. A questo proposito compare addirittura lo spettro dei Van Halen alle spalle di un pezzo prog-metal al 100% (con accenni alle recenti produzioni più pesanti di Symphony X e Dream Theater appunto) come ‘Love Remains The Same’. In ordine sparso ‘Deep Inside’ è un bell’esempio di hard rock pomposo (che deve aver attirato non poco gli emissari della Frontiers) con puntate nel free jazz, ‘Lord Of The Flies’ è più sconclusionata basandosi su fughe strumentali fini a sé stesse mentre decisamente più valide risultano ‘World Of Illusion’ e la conclusiva ‘Waiting For The Answer’ (summa del Mind Key sound). Effettivamente, come bilancio finale, si può affermare che pur essendo presenti molti “luoghi comuni” del genere ‘Journey Of A Rough Diamond’ stupisce positivamente e ci lascia una sensazione tutto sommato positiva dopo l’ascolto.

Voto recensore
6
Etichetta: Frontiers

Anno: 2004

Tracklist: 01. Secret Dream
02. Love Remains The Same
03. Deep Inside
04. Memory Calling
05. Lord Of The Flies
06. World Of Illusion
07. Without Ann
08. Waiting For The Answer
- part I: Soul Voyager (instrumental)
- part II: The Zero Dimension

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login