John Garcia And The Band Of Gold – Recensione: John Garcia And The Band Of Gold

Tutti conosciamo o dovremmo conoscere John Garcia storico cantante e fondatore dei seminali Kyuss che assieme al ex fido compare Josh Homme hanno dato vita al movimento dello stoner rock o desert rock che dir si voglia. Dopo lo split avvenuto oltre due decadi fa il frontman ha continuato la sua carriera con varie band come gli Slo Burn, gli Unida, gli Hermano con risultati altalenanti fino alla realizzazione di due album solisti a suo nome di cui l’ultimo “The Coyote Who Spoke In Tongues” in chiave acustica.

Ora con questa terza uscita Garcia  si avvale dell’ex produttore dei Kyuss Chriss Goss  (Master Of Reality) per cercare di tornare ai fasti dei tempi passati proponendo quello che sa fare meglio, uno stoner rock di qualità, lisergico e fumoso quanto basta a convincere dal primo ascolto. Ovviamente siamo lontani dai capolavori del passato, ma sicuramente è stato fatto un buon primo passo nella direzione giusta. Si parte con “Space Vato” una composizione strumentale che alterna momenti psichedelici a digressioni epiche ben bilanciate che portano alla successiva ed incalzante “Jim’s Whiskers” dove l’inconfondibile voce di Garcia da il meglio di se sorretta dall’ottimo lavoro chitarristico di Ehren Groban. Sulla stessa linea anche la più sinuosa “Chicken Delight”, mentre più bluesy risulta “Kentucky II” a cui segue la coinvolgente e aggressiva “My Everything” che non è assolutamente una ballad come erroneamente sembra dal titolo.

Altro episodio vincente è la cadenzata e accattivante “Lillianna”, sicuramente uno dei punti forti di questo lavoro in cui la sezione ritmica composta da Mike Pygmie  Greg Saenz non perde un colpo e viene completata dalla calda voce di Garcia. Veniamo invece catapultati nelle polverose e afose lande desertiche sia con l’ipnotica “Apache Junction” dove i fasti del passato fanno capolino in più di una occasione sia nella più lisergica “Cheyletiella”, mentre “Softer Side” ha il compito di chiudere questo album che ci riconsegna un Garcia  più ispirato e motivato pronto a rivendicare la sua supremazia in campo stoner/desert rock.

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Space Vato 02. Jim’s Whiskers 03. Chicken Delight 04. Kentucky II 05. My Everything 06. Lillianna 07. Popcorn (Hit Me When You Can) 08. Apache Juncion 09. Don’t Even Think About It 10. Cheyletiella 11. Softer Side
Sito Web: https://www.facebook.com/JohnGarciaOfficial/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login