Jinjer – Recensione: Cloud Factory (Reissue)

Grazie probabilmente ai prestigiosi posti in tour ottenuti con mostri sacri quali Arch Enemy (il nostro live report a tal proposito) e Cradle Of Filth, i Jinjer si guadagnano la visibilità giusta per ristampare “Cloud Factory”, disco della loro consacrazione uscito originariamente nel 2014. Il suono ora molto più pieno, nitido e potente dà nuova luce alle canzoni, rendendo questo platter davvero piacevole e superiore pure al più recente lavoro della band “King Of Everything”.

Il metalcore del giovane gruppo ucraino non si attenta a percorrere le accidentate vie della sperimentazione, ma va dritto al sodo, plasmando una proposta molto efficace nel suo essere così massiccia e diretta. La frontwoman Tatiana Shmailyuk è sempre sugli scudi e dimostra un notevole talento nell’alternare sapientemente growl aggressivo e cantato pulito particolarmente intonato (e non è da tutti nel genere in questione!); i suoi tre compagni d’avventura la supportano in maniera più che degna, tessendo note magari non originalissime, però senza dubbio ben imbastite e denotanti una buona tecnica.

Fra le tracce proposte spiccano innanzituttoOutlander”, “A Plus Or A Minus e la title track, tutti brani energici, trascinanti, dal taglio profondamente moderno e pensati apposta per scatenare il pubblico dal vivo.Who Is Gonna Be The One è il pezzo più particolare e vario della release, grazie anche al suo inaspettato finale reggae, mentreBad Water porta in dote all’album quel po’ di pace e melodia in più che non guastano mai. C’è pure spazio per un brano cantato in ucraino,Zhelayu Znachit Poluchu”, e la release viene infine impreziosita da due bonus track live delle già citate “A Plus Or A Minus” (questa a dire il vero non registrata benissimo) e “Who Is Gonna Be The One”.

La reissue di “Cloud Factory” non è dunque un’operazione commerciale priva di significato, dal momento che ci permette di rivalutare un disco di valore ad opera di una buona band con ulteriori margini di miglioramento. Ora ci aspettiamo che i Jinjer, in seguito a tutte le esperienze positive che stanno vivendo in questo 2018, ci stupiscano con un bel salto di qualità in studio in occasione del prossimo full-legth di inediti.

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2018

Tracklist: 01. Outlander 02. A Plus Or A Minus 03. No Hoard Of Value 04. Cloud Factory 05. Who Is Gonna Be The One 06. When Two Empires Collide 07. Zhelayu Znachit Poluchu 08. Bad Water 09. A Plus Or Minus (Live From Sentrum) 10. Who is Gonna Be The One (Live From Atlas)
Sito Web: http://jinjer-metal.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login