Jim Peterik – Recensione: Winds Of Change

“Winds of Change” arriva 18 anni dopo la prima avventura firmata “Jim Peterik and World Stage”, ed in mezzo a questi due albums il mitico Jim Peterik ha dato forma ai prodigiosi Pride of Lions ed ha rafforzato   gli sforzi solisti del compianto Jimi Jamison (ricordiamo il capolavoro Crossroads Moment del 2008 su tutti). La domanda che esce fuori in modo prepotente dopo l’ascolto di questo lavoro è: “come fa Peterik ad essere così prolifico e continuare a sfornare canzoni originali e di alto livello?”

Ipotizzando che le risposte possano essere “passione e creatività”, in questo disco ritroveremo questi due assiomi moltiplicati per 12 (il numero delle canzoni), con qualche memorabile sorpresa da ricordare. Ognuna delle songs infatti ospita cantanti diversi e che rappresentano il meglio della scena melodic rock mondiale (citiamo le band originarie: 38 Special, Loverboy, Styx, The Storm, Pride Of Lions, Reo Speedwagon, Tyketto, Work of Art, Night Ranger, Chicago, Nelson, Survivor), e Peterik si mette a disposizione della loro ispirazione e del loro stile, mostrando intelligenza e grande umiltà, e regalando un platter che non annoia grazie ad una grande varietà musicale ed agli ospiti che vengono messi in condizione di rendere al meglio. Inoltre, i suoni e la produzione sono impeccabili e la backing band risulta brillante ma non invasiva, con una menzione speciale al chitarrismo sempre spumeggiante di Mike Aquino.

Non ascoltiamo dunque particolari fillers o prestazioni che non siano impeccabili, ma anche noi abbiamo i nostri preferiti, le stelle che brillano con più forza, come la robusta “Without A Bullet Being Fired”, fieramente eighties e punto di incontro tra i Loverboy ed i Survivor degli anni d’oro. “Proof Of Heaven” ha un mood più seventies ed un ritornello di grande coralità e raffinatezza, mentre Danny Vaughn è magistrale nell’opus epico di “The Hand I Was Dealt”, dove Peterik costruisce una ennesima perla da “colonna sonora”. “Where Eagles Dare” possiede un incedere struggente e delicato, appoggiandosi su suoni leggermente più moderni, al contrario della veloce ed energetica “I Will What I Want”, dove Kelly Keagy ci riporta verso i migliori Night Ranger. Ennesimo gioiello risiede nella romantica “You’re Always There”, che profuma di Chicago dalla prima all’ultima nota, grazie agli arrangiamenti sublimi ed alla prova vocale di Jason Scheff. “Winds Of Change” si chiude con un capolavoro assoluto, l’ultima canzone di Jimi Jamison, che ci regala con “Love You All Over The World” una melodia semplice quanto perfetta, summa di una carriera meravigliosa e magistralmente servita da un tessuto musicale discreto quanto impeccabile, come se Jim Peterik si affiancasse all’amico, semplicemente per valorizzare il suo lascito finale.

Grandi emozioni, e siamo certi che non saranno le ultime.

Voto recensore
8
Etichetta: Frontiers Music Srl

Anno: 2019

Tracklist: 01. Winds Of Change (featuring Danny Chauncey and Don Barnes of 38 Special),02. Without A Bullet Being Fired (featuring Mike Reno of Loverboy),03. Proof Of Heaven (featuring Dennis De Young),04. Sometimes You Just Want More (featuring Kevin Chalfant),05. Home Fires (featuring Toby Hitchcock of Pride Of Lions),06. Just For You (featuring Kevin Cronin of REO Speedwagon),07. The Hand I Was Dealt (featuring Danny Vaughn of Tyketto),08. Where Eagles Dare (featuring Lars Safsund and Robert Sall of Work Of Art),09. I Will What I Want (featuring Kelly Keagy of Night Ranger),10. You’re Always There (featuring Jason Scheff),11. Avalanche (featuring Gunnar and Matt Nelson),12. Love You All Over The World (featuring Jimi Jamison)
Sito Web: https://www.facebook.com/officialjimpeterik/

Antonino Blesi

view all posts

Ascolta metal dal 1983, ha 46 anni e non vuole certo smettere. La passione vince su tutto, e sarà anche scontato, ma la buona musica non morirà mai, finchè qualcuno continuerà a parlarne ed a canticchiare un vecchio refrain....

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login