Giuntini Project – Recensione: IV

Squadra che vince non si cambia. Il vecchio adagio si adatta bene al quarto album della scuderia di Aldo Giuntini, che in particolare continua ad affidarsi, per quanto riguarda la voce, a un cavallo di razza come Tony Martin, inoppugnabile nel conferire un tono da anni ’80 ai brani che interpreta, con particolari riferimenti a gruppi come Black Sabbath e Rainbow. E gli viene data talmente tanta fiducia che “IV” diventa quasi più un album per voce solista che per chitarra, contrariamente a quello che il nome della band farebbe presagire, per quanto, comunque, le ritmiche siano costruite con martellante precisione e le parti soliste regalino in più di un’occasione spunti di grande interesse. Senza dimenticare poi “The Rise And Fall Of Barry Lyndon” e “Last Station Nightmare”, due brani strumentali con una forza trascinatrice d’eccezione.

Siamo quindi di fronte a un lavoro che rimanda con forza all’hard ‘n’ heavy e che, è possibile dirlo senza quasi margine di errore, se fosse stato pubblicato quando questo genere era veramente in auge, forse avrebbe ottenuto maggiore attenzione. C’è in generale un buon bilanciamento di forze e non ci si stanca mai di ascoltare “IV”, perché i brani si distinguono bene l’uno dall’altro, anche se in quasi tutti permane una nota di disperazione, insita nella voce di Tony Martin, che non si perde mai. Convincono, anche se si trovano su versanti opposti, il dinamismo di “Saint or Sinner”, la vivacità di “I Don’t Believe in Fortune” e dei suoi cori così curati e l’angosciante “Cured”, lenta al punto da sembrare una marcia funebre. Un buon lavoro sotto tutti i punti di vista, che piacerà soprattutto a chi è alla ricerca di voci e strumenti che si rifanno all’heavy metal più “tradizionale”.

Voto recensore
7
Etichetta: Escape Music

Anno: 2013

Tracklist:

01. Perfect Sorrow
02. Born in the Underworld
03. Shadow of the Stone
04. Cured
05. I Don’t Believe in Fortune
06. If the Dreams Come True
07. The Rise and Fall of Barry Lyndon
08. Bring on the Night
09. Not the Jealous Kind
10. Saint or Sinner
11. Last Station: Nightmare
12. How the Story Ends
13. Truth Never Lie


Sito Web: http://www.aldogiuntini.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login