Syn Ze Sase Tri – Recensione: Intre Doua Lumii

Debut album targato Code666 per i transilvani (e quasi impronunciabili) Syn Ze Sase Tri, dediti con “Intre Doua Lumii” a un black metal epico e moderatamente sinfonico, vicino, per aspirazioni, a Dimmu Borgir, Keep of Kalessin, Saille e  Negura Bunget. E se le somiglianze con quest’ultimi si fermano al comune idioma rumeno e all’apparizione dei fondatori Corb e  Spin in “Virstele Pamintului”, le caratteristiche di un più comune black metal sinfonico sono certamente ben più palesi.

Nessuno sperimentalismo o ricerca sonora come in “Maiestrit” oppure “Om”, dunque, nei microsolchi di un album che i più maligni potrebbero etichettare semplicemente come becero scimmiottamento di gente ben più famosa.

In realtà, insieme a tanta ingenuità e scontatezza, nell’album in questione ci sono anche elementi positivi. Non certo nelle tediose e posticce parentesi sinfoniche, gravate da suoni non proprio up-to date e benedetti dall’originalità, quanto piuttosto nei momenti in cui la band si lascia andare al suo lato più metallico e sanguigno, e consegna spezzoni quantomeno piacevoli, nella loro diretta semplicità (“Fauritorul lumii”).

Il resto è invero abbastanza insipido e infarcito dei luoghi comuni del black sinfonico, sampler di lupi ululanti e venti spiranti inclusi (“Profetie”). C’è da dare atto al quartetto transilvano di non nascondere per nulla queste sue inclinazioni stilistiche, tramite un’estetica (artwork, foto promozionali) che la dice lunga sui contenuti dell’album.

Questi Syn Ze Sase Tri, sebbene adeguatamente capaci di fare il loro lavoro, sono ancora ben lontani dai livelli delle band alle quali forse si ispirano, e necessitano certamente di una buona dose di analisi e lavoro sul proprio sound, per bilanciare gli intenti genuini ma ingenui, con un po’ più di mestiere e personalità.

Voto recensore
6
Etichetta: Code666

Anno: 2011

Tracklist:

1. Profetie
2. Ziua din urma
3. Fauritorul lumii
4. Gind blestemat
5. A vietii roata
6. Maretia intruparii
7. Calea fara de sfirsit
8. Spirit etern
9. Intre doua lumi. Transcendenta
10. Ruga


Sito Web: http://www.myspace.com/synzesasetri

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. gianni

    io lo trovo un album godibilissimo, senza scomodare paragoni inopportuni e fuori luogo, è un disco che fa anche ben sperare per il futuro della band, per me un bel 7 e mezzo.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login