Nuclear Blast Allstars – Recensione: Into The Light

La Nuclear Blast compie 20 anni e decide di autocelebrarsi in pompa magna. Ha chiamato in causa il geniaccio Victor Smolski, noto polistrumentista, nonché chitarrista dei Rage, per affidargli la composizione di ‘Into The Light’, primo capitolo (a cui seguirà in autunno ‘Out Of The Dark’) suddiviso in dieci canzoni di classico e sanguigno power metal, affidate ad altrettante famose ugole. Dobbiamo precisare che questa operazione targata Nuclar Blast ha però poco a che spartire con le più famose rock opera, Avantasia, Aina, Ayreon e compagnia, perché, sebbene le song siano state partorite da un’unica mente, risultano davvero eterogenee. Ma quello che per molti potrebbe essere considerato un punto a sfavore, risulta, a conti fatti, la forza di ‘Into The Light’. Chi si aspettava canzoni à la Rage interpretate da voci diverse dovrà ricredersi, perché il chitarrista russo è stato abile a cucire addosso ai personaggi, come un sarto provetto, brani davvero su misura. In passerella sfilano, tra gli altri, Tobias Sammet, Tarja Turunen, Andi Deris, Hansi Kursh, Peavy Wagner, Tony Kakko, per un parterre de roi da applausi. I dieci pezzi dell’album affondano le proprie radici nel power metal di matrice teutonica, ma, a seconda del vocalist, vanno via via prendendo forme differenti, passando dal thrash di ‘Bloodsucker’ (cantata da Schmier dei Destruction) fino alla romantica e decadente ‘Death Is Alive’ (con Mats Leven sugli scudi). Si parte alla grande con l’opener “Dirty Wings” che vede un Toby Sammet cimentarsi in una canzone Edguy al 100 %, seguita da ‘Terrified’, che sembra uscita direttamente da ‘Soundchaser’ dei Rage. E Non per nulla alla voce c’è Peavy Wagner! Chi ama il power più tirato, potrà cantare a squarciagola le hit ‘Ruling The World’ (con Tony Kakko ed un pianoforte sublime ad accompagnare le chitarre di Smolski) e ‘A Perfect Day’, in cui possiamo apprezzare uno scatenato Andy Deris. Ma la palma della song migliore del lotto spetta a ‘Slaves To The Desert’, un piccolo capolavoro di metal melodico e raffinato, impreziosita da sonorità moderne ed affidata all’ugola di Hansi Kursh. Il groove dei brani non può che essere quello dei Rage e ciò va ad influire dannatamente sulla produzione che risulta spinta la massimo, limpida e graffiante nello stesso tempo. Sebbene non brilli per originalità, il platter potrà essere apprezzato da tutti gli estimatori del power metal, se non altro per la curiosità di vedere all’opera i propri beniamini. Un bonus cd con rarità di band del roster Nuclear Blast, rende l’operazione ancora più succulenta.

Voto recensore
7
Etichetta: Nuclear Blast / Audioglobe

Anno: 2007

Tracklist:

Tracklist CD1:
01.Dirty Wings (feat. Tobias Sammet - Edguy)
02.Terrified (feat. Peter “Peavy” Wagner - Rage)
03.Ruling The World (feat. Tony Kakko – Sonata Arctica)
04.Death Is Alive (feat. Mats Levén – Therion / Krux)
05.Bloodsucker (feat. Marcel “Schmier” Schirmer - Destruction)
06.Slaves To The Desert (feat. Hansi Kürsch – Blind Guardian)
07.A Perfect Day (feat. Andi Deris - Helloween)
08.Eternally (feat. Oddleif Stensland - Communic)
09.Inner Sanctuary (feat. Marco Hietala – Nightwish / Tarot)
10.In The Picture (feat. Tarja Turunen - Ex-Nightwish)

Tracklist Bonus CD:
01.Hammerfall - Hearts On fire
02.Helloween - The Madness Of The Crowds
03.Gotthard - El traidor (Anytime, Anywhere Spanish version)
04.After Forever - Sweet Enclosure
05.Ride The Sky - New Protection
06.Thunderstone - Forevermore
07.Threshold - Slipstream
08.Amorphis - The Smoke
09.Candlemass - Devil Seed
10.Sirenia - The Other Side


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login