Seta – Recensione: Interferenze

Come il titolo dell’album ci fa presagire, il nuovo lavoro dei veronesi Seta è un insieme sonoro dove più generi interferiscono fra loro, e dove in particolare il rock, fra le altre cose cantato in italiano, si mescola con buona armonia alla musica elettronica. Non preoccupatevi troppo quindi, perché questo disco non è assolutamente un insieme senza senso di suoni campionati. I riff di chitarra ci sono, così come si avverte un deciso senso di protesta  e di ribellione, anche nei testi più delicati e poetici come quello di “Romanza”.

Titoli brevi, ritmi veloci e testi scarni che a volte si ripetono, i Seta a volte sono impalpabili come il tessuto di cui portano il nome, a volte diretti e precisi come un colpo di fucile al cuore; la loro è una musica che potrebbe anche sembrare fin troppo raffinata o addirittura cerebrale, ma che in realtà attraversa sentimenti molto vicini a quelli di un qualunque fruitore di altri sottogeneri del rock. “Sid”, il brano di apertura, non è soltanto una dedica a Sid Vicious, ma un omaggio esteso a tutti gli eroi perduti e maledetti del mondo della musica. “Istante” sembra esprimere il desiderio di libertà di espressione dei propri pensieri circondati da conformismo e da idee già pronte e preparate da altri, un tema comune a molti testi anche in generi diversissimi da questo e che si ritrova simile in “Per Un Giorno In Più”. Il finale riserva poi una piccola sorpresa, una ghost track intitolata “Suena” che riprende in parte un altro pezzo contenuto in “Interferenze”, vale a dire “La Follia”. Non è detto che il disco possa piacere a tutti, specialmente i detrattori della musica cantata nella lingua madre dovrebbero astenersi, ma per gli altri la sorpresa dovrebbe essere piacevole.

Voto recensore
7
Etichetta: Atomic Stuff / Andromeda

Anno: 2013

Tracklist:

01. Interferenze

02. Sid

03. Lame Di Luce

04. La Follia

05. Per Un Giorno In Più

06. Romanza

07. Istante

08. Indifferente

09. Clock

10. Alibi

11. SyNTESY


Sito Web: http://www.setaofficial.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login