Mad Max – Recensione: Interceptor

Non che ci si potesse aspettare molto di diverso da un nuovo lavoro dei Mad Max, che continuano imperterriti a proporci la loro personale visione del mondo, fatta di chitarre distorte, ritornelli accattivanti e cori a tutto volume. Questo album quindi, più che una sorpresa, è una conferma, ma ciò non toglie che la band di Michael Voss e compagni sappia perfettamente che cosa ama fare, e lo sa fare bene.

I dieci brani che compongono “Interceptor” contengono quindi una ridda di riff di buon hard rock tedesco, sostenuto naturalmente dalla solita produzione cristallina, che mette l’accento sulle capacità dei singoli musicisti e sull’efficacia di ogni singolo pezzo. Fra tutti, possiamo dire con un buon margine di sicurezza che l’epica “Godzilla”, con tanto di ruggiti del mitico mostro giapponese, entrerà subito in testa a tutti gli ascoltatori; stesso discorso per “Rock All Your Life”, arricchita da una di quelle alzate di tono che tanto piacciono ai Mad Max, e per “Five Minute Warning”, unica power ballad del blocco, gradevole, emozionante e per niente melensa. C’è poi la sorpresa finale costituita da “Show No Mercy”, uno dei brani più lunghi dell’album, che ci mostra un aspetto più oscuro della personalità dei Mad Max e che nell’assolo finale nasconde, completamente a sorpresa, un piccolo accenno al tema dell’Overture de “Il barbiere di Siviglia” di Rossini. Nonostante quindi l’ormai ben nota attitudine di base, che i Mad Max mantengono da sempre e che riescono a ripristinare ogni volta che pubblicano un nuovo lavoro, “Interceptor” è un disco abbastanza vario, che sa farsi apprezzare fin da subito per la grande energia contenuta al suo interno e per la carica e l’entusiasmo che questa band riesce sempre a farci tirare fuori.

Voto recensore
7
Etichetta: SPV/Steamhammer

Anno: 2013

Tracklist:

01.Save Me
02.Godzilla
03.Sons Of Anarchy
04.Rock All Your Life
05.Five Minute Warning
06.Bring On The Night
07.Streets Of Tokyo
08.Show No Mercy
09.Revolution
10.Turn It Down


Sito Web: http://www.madmaxofficial.de/Welcome/MadMax.html

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login