Assignment – Recensione: Inside Of The Machine

Una intro magniloquente ma troppo diluita (“Upload The System”) ci introduce a questo “Inside Of The Machine” terzo full length di questi sconosciuti Assignment.

Il sound dei tedeschi è “tastieroso” e si fa notare per una fastidiosa batteria elettronica davvero vicina ai risultati che si potrebbero più facilmente ottenere con una drum machine; lo space hard rock in bilico col metal sinfonico presentatoci dai nostri è davvero basilare nonché superficiale e non capiamo come cantanti di livello assoluto come Mats Leven, Michael Bormann o Robin Beck possano aver prestato la propria voce a tanto piattume.

La cosa migliore di questo lavoro è sicuramente la veste grafica che ci ha ricordato quella di “Transendence”, capolavoro dei Crimson Glory… niente a che vedere con questo lotto di canzoni plastificate ed insulse.

Il citato Mats Leven si conferma singer di razza in “Messiah’s Fall” e “Another Sacrifice” come non sono trascurabili gli interventi di chitarra solista di Bernie Versailles (Agent Steel, Redemption); è invece trascurabile tutto il resto, il che rende “Inside Of The Machine” un flop pressoché pieno.

Voto recensore
4,5
Etichetta: Mausoleum

Anno: 2013

Tracklist:

01. Upload The System

02. The Intrusion

03. I Am The Machine

04. Resistance

05. Love Between Heaven & Hell

06. Betrayal

07. Messiah’s Fall

08. Ending Love

09. Another Sacrifice

10. Electric City

11. Walk Alone

12. Eternal Silence

13. Bug In The System

14. End Of The Machine


Sito Web: https://www.facebook.com/AssignmentMusic?fref=ts

alberto.capettini

view all posts

Fan di rock pesante non esattamente di primo pelo, segue la scena sotto mentite spoglie (in realtà è un supereroe del sales department) dal lontano 1987; la quotidianità familiare e l’enogastronomia lo distraggono dalla sua dedizione quasi maniacale alla materia metal (dall’AOR al death). È uno dei “vecchi zii” della redazione ma l’entusiasmo rimane assolutamente immutato.

1 Comment Unisciti alla conversazione →


  1. MARK HUGE

    disco di una noia mortaleeeeeeee……….

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login