Shadowside – Recensione: Inner Monster Out

Già dal precedente “Dare To Dream” si poteva intravedere il germoglio di una band interessante e soprattutto non la solita stereotipata proposta con voce femminile, visto che Dani Nolden ha un approccio decisamente più aggressivo rispetto alle colleghe dal timbro lirico senza comunque arrivare agli estremismi di una Angela Gossow o di Karin Crisis.

Musicalmente i brasiliani si prodigano in un metal tecnico potente e tradizionale al limite del power americano ma anche dalle spiccate aperture melodiche (“Angel With Horns”); putroppo però non possiamo valutare “Inner Monster Out” con un voto eccelso a causa della scarsa originalità di questi ragazzi di Santos ed è un peccato perché alcuni pezzi come “In The Name Of Love”, dal palese retrogusto Angra, non sarebbero del tutto disprezzabili e tra l’altro presenti anche alcuni ospiti di “peso” come Björn “Speed” Strid (Soilwork), Niklas Isfeldt (Dream Evil) e Mikael Stanne (Dark Tranquillity) stranamente tutti concentrati nella title track.

Bellissimo e molto curato invece l’artwork che dimostra quanto i nostri credano fermamente in quello che fanno e potrebbero anche serbarci qualche bella sorpresa futura se decideranno di variegare maggiormente la loro “ricetta”.

 

Voto recensore
6,5
Etichetta: Inner Wound

Anno: 2012

Tracklist:

01. Gag Order

02. Angel With Horns

03. Habitchual

04. In The Name Of Love

05. Inner Monster Out

06. I’m Your Mind

07. My Disrupted Reality

08. A Smile Upon Death

09. Whatever Our Fortune

10. A.D.D.

11. Waste Of Life


Sito Web: http://www.shadowside.ws

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login