Inglorious – Recensione: We Will Ride

We Will Ride” è il nuovo lavoro dei rocker britannici Inglorious e anche il primo con i nuovi componenti Danny Dela Cruz e Dan Stevens alle chitarre e il bassista Vinnie Cola, che si uniscono al cantante Nathan James e al batterista Phil Beaver. Registrato a Cardiff durante il lock down causato dalla pandemia, ha visto il gruppo affidarsi per la prima volta in assoluto a un produttore scegliendo un nome prestigioso come quello di Romesh Gogandoda, noto per i suoi lavori con i Bring Me The Horizon, Bullet For A Valentine, Motorhead ecc.

Da sempre ispirati a band come i Whitesnake, Aerosmith, Led Zeppelin, anche questa volta gli Inglorious riescono a tirare fuori un album con i controfiocchi, che coniuga l’amore per le sonorità del passato con un approccio diretto, moderno e al passo con i tempi. Queste nuove undici composizioni ne sono proprio la prova, a partire dal primo brano e anche primo singolo scelto, “She Won’t Let You Go”, scritto da Nathan e Danny prima ancora del suo ingresso nella band, e che è un ottimo biglietto da visita per chi vuole approcciarsi a loro per la prima volta.

Con “Messiah” e “Medusa” si alza ancora di più l’asticella qualitativa con due brani assolutamente vincenti, il primo dal grande impatto e vigore, il secondo caratterizzato da un ritmo pulsante e che profuma di southern rock all’ennesima potenza. “Eye Of The Storm” invece è una ballata elettrica che alterna momenti di estrema dolcezza a intensi ritornelli, che la rendono memorizzabile al primo ascolto, seguita da “Cruel Intention”, che porta i nostri sui binari dell’hard rock robusto impreziosito da melodie ariose che si completano molto bene tra loro.

Non cala l’attenzione anche con la più classica “My Misery” o la groovy “Do You Like It”, mentre nella successiva “He Will Provide” si evocano perfino i mitici Black Sabbath sia nelle sonorità cupe ed oscure sia nell’approccio vocale di Nathan, davvero simile a quello di Ozzy. Nella parte finale di “We Will Ride” troviamo l’ipnotica “We Will Meet Again”, guidata da un grande ritmo e abbondanti dosi di melodia, a cui segue la più cadenzata “God Of War” e la titletrack, che suggella un lavoro molto valido e che sicuramente riporterà il nome degli Inglorius sulla cresta dell’onda. Un album, questo, degno di entrare nella vostra preziosa collezione.

 

 

Etichetta: Frontiers Music

Anno: 2021

Tracklist: 01. She Won’t Let You Go 02. Messiah 03. Medusa 04. Eye Of The Storm 05. Cruel Intentions 06. My Misery 07. Do You Like It 08. He Will Provide 09. We Will Meet Again 10. God Of War 11. We Will Ride
Sito Web: http://www.inglorious.com/

eva.cociani

view all posts

Amo la musica a 360 gradi, non mi piace avere etichette addosso, le trovo limitanti e antiquate, prediligo lo street, il glam e anche il goth, ma non disdegno nulla basta che provochi emozioni. Ossessionata dalle serie tv, dalla fotografia, dai viaggi e dai live show mi identifico con il motto: “Live the life to the fullest”.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login