Infinity Through Purification

Voto
recensore

7

Voto
utenti

-

Infinity Through Purification

Diabolic

Track Listing

01. From the Astral Plane…Entwined With Infinity
02. Spiritual Transition
03. Satanic Barbarism
04. Internal Mental Cannibalism
05. Procession of the Soul Grinders
06. Exsanguinated Life
07. Descending through Portals of Misery
08. Enter the Maelstrom

Vota questo album:

Non è che ci sia molto di cui stupirsi se questa band proveniente dalla Florida suona un classicissimo death metal brutale in perfetta sintonia con quanto proposto da ben più famosi gruppi provenienti dalle assolate coste atlantiche. Una volta inquadrate a grandi linee le coordinate musicali su cui si muove questo ‘Infinity Through Purification’ (Monstrosity, Malevolent Creation, Morbid Angel, giusto per fare qualche nome) non resta molto da dire se non fare una piccola analisi di tutte quelle caratteristiche, piccole o grandi, che possono rendere questo album diverso dagli altri. La musica è cattiva e violenta come da manuale, ma non manca mai di una certa componente melodica. Peccato che buona parte di queste melodie troppo spesso finisca per venire relegata sullo sfondo, nascosta da un assalto a base di blast beat e riff a tratti fin troppo ossessivi (ossessività fortunatamente non sempre negativa, come nel caso di ‘Satanic Barbarism’, uno degli episodi meglio riusciti) . La voce del bassista Ed Webb non si limita allo scontato growling, ma alterna il cantato classico a qualche urlo in screaming, spezzando non poco la monotonia delle linee vocali e rendendo le canzoni più ricche, soprattutto a livello emotivo. Di tecnica strumentale ce n’è quanto basta e la sensazione è che i Diabolic cerchino di suonare una musica non troppo semplice, ma senza per questo voler strafare abbandonandosi in tecnicismi spesso inutili in un genere come questo. In definitiva un buon album per appassionati che lascia intravedere qualche piccolo tentativo di andare oltre (si veda a proposito il doppio volto di ‘Descending Through The Portals Of Misery’), ma senza completare quel passo in avanti che avrebbe potuto lasciare il segno… purtroppo.

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login