Motorhead – Recensione: Inferno

I Motorhead, inarrestabile macchina di riff di sporchissimo e violentissimo rock’n’roll metallico, sfornano con ‘Inferno’ un album ispirato, dissacrante e pregno di energia avulsa da ogni forma di melodia e raffinatezza. Il CD parte con la violenta e potente ‘Terminal Show’ (ad ascoltare il brano sembra che Mikkey Dee sia intenzionato a distruggere il proprio drum kit) in cui troviamo come ospite speciale Steve Vai, che esegue uno dei suoi funambolici assoli di chitarra. Incassato un primo brano bomba e un ospite di immane valore l’album si dipana con la “normale” ‘Killers’ e poi prosegue con un’altra perla intitolata ‘In The Name Of Tragedy’; questo pezzo è sostenuto da una ritmica distruttiva e arrembante, che mischia hard rock e punk in una miscela esplosiva che viene esaltata al massimo livello dall’ugola “perforata” di Lemmy ed impreziosita da un bell’assolo di chitarra di Phil Campbell. La successiva ondata di pura energia malsana e in pieno rock-style arriva con la rolleggiante ‘In The Black’, altro brano che farà scuotere le teste di tutti i fan della band inglese. Questo pezzo pone su un piatto d’argento ritmiche coinvolgenti e un intreccio di linee vocali, nel refrain, che non lasceranno indifferente nemmeno il più freddo rocker! Proseguendo nell’ascolto della track list ci imbattiamo nel metal contorto di ‘Fight’ (in cui Campbell ricama un altro bell’assolo), brano veloce e potente che promette faville dal vivo, per poi tornare a rallentare con la cadenzatissima ‘In The Year Of The Wolf’. Il finale dell’album è tutto in salita a partire dal brano di rock’n’roll intitolato ‘Keys To The Kingdom’, seguito dall’energica e sovversiva ‘Smiling Like A killer’ (un altro must del CD… sostenuto ancora una volta da una ritmica oscenamente ipnotica, che farebbe scuotere e cantare chiunque!) ed infine dal country blues di ‘Whorehouse Blues’. ‘Inferno’ è un comeback con i fiocchi, che restituisce al mondo metal un gruppo “in palla” e potente.

Voto recensore
8
Etichetta: Spv / Audioglobe

Anno: 2004

Tracklist:

01.Terminal Show (feat. Steve Vai)
02.Smiling Like A Killer
03.In The Year Of The Wolf
04.Life's A Bitch
05.Keys To The Kingdom
06.Down On Me
07.Fight
08.In The Name Of Tragedy
09.Suicide
10.The Killers
11.I'm In The Black
12.Whorehouse Blues


leonardo.cammi

view all posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login