Facebreaker – Recensione: Infected

Gli svedesi Facebraker che, dal monicker e dalla grafica, potrebbero passare per un trucidissimo combo grind-core, sono in realtà una collaborazione fra musicisti non di primo pelo, su tutti il growler Robert Karlsson (già membro di band quali Devian, Scar Symmetry, Edge of Sanity, Darkified”.

Il sound portato avanti dal quintetto è il buon vecchio death svedese, e questo terzo album, Infected, riconferma appieno tutte le coordinate del progetto. Gli amanti di tali sonorità non rimarranno indifferenti e delusi, di fronte a una dozzina di canzoni che pescano a piene mani dal patrimonio musicale del passato, facendolo però con la giusta attitudine e grinta, tali per cui non si ha la sensazione di stantio e di obsoleto.

Il materiale contenuto è convincente, e supportato da una produzione potente e cristallina, che fa ben risaltare gli strumenti, su tutti il lavoro solistico dei due axe-men. Le canzoni sono generalmente veloci, con largo uso di shredding e un buon gusto melodico, che sopperisce a una certa monotonia di fondo, tipica del genere.

La band gira davvero bene, con un front-man in ottima forma, che già dall’opener “Creeping Flesh” chiarisce perfettamente che non siamo di fronte a dei dilettanti. Oltre ai brani più veloci, il gruppo si muove bene anche nelle parti più lente, con più groove, come in “Cannibalistic” o “Into the Pit”, ricordando in questo caso band come gli albionici Bolt Thrower.

I Facebraker risultano quindi dei validi interpreti del tipico death svedese, genere che, sebbene non più sulla cresta dell’onda, continua a fregiarsi di grandi esponenti. L’album è divertente e ben strutturato, grazie a una performance valida ed efficace, che non lascia dubbi sulle loro qualità, anche se è chiaramente non altrettanto memorabile come gli storici capolavori del genere (“Left Hand Path”, “Slaughter of the Soul”, “Like an Everflowing Stream”). Una robusta dose di death, fatto come si deve.

Voto recensore
6,5


Anno: 2010

Tracklist:
1. Creeping Flesh
2. Cannibalistic
3. Torn to Shreds
4. Epidemic
5. The Return (Bonustrack)
6. Bloodshed
7. Mankind Under Siege
8. Waiting for the Pain
9. Into the Pit
10. Bloodthirst
11. Reanimating the Dead
12. Infected

Sito Web: http://www.facebreaker.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login