Dew-Scented – Recensione: Incinerate

Nati nel lontano 1992, i Dew-Scented sono autori di una carriera che dura ormai da quattordici anni. Incienerate è il loro sesto album sotto l’etichetta Nuclear Blast e, come da copione, il titolo incomincia per lettera “I”. La via seguita dalla band tedesca non si discosta in maniera evidente da quella percorsa finora, improntata su un thrash metal vecchio stile influenzato da qualche spolverata hardcore, inserita per cercare di ringiovanire il sound. Il lavoro è articolato con sapienza, facendo constatare un ottimo affiatamento tra i componenti fautori di un album studiato sin troppo perfettamente. Il ritorno tra i ranghi di Florian Muller ha dato nuova vita alle partiture di chitarra, formando con Hendrick una coppia degna di nota. Anche la produzione non manca all’appuntamento, risultando praticamente perfetta, mostrando tutto il valore della seconda new entry del momento: Andy Sneap. Dopo tanti elogi dobbiamo comunque riconoscere qualche pecca: la track list si presenta tanto lunga quanto ripetitiva, si ha la continua sensazione di ascoltare un’unica traccia lunghissima, presentando un pericoloso avvicinamento ad un possibile punto di saturazione stilistica. La stessa sensazione di “soffocamento” si riconosce ascoltando gli album precedenti, praticamente livellati sulla stessa lunghezza d’onda. In conclusione è importante riconoscere la tendenza su cui ci si sta spingendo, per non cadere nella banalità, che comunque in questo caso non è ancora stata raggiunta. Il disco rimane in ogni caso di buon livello, ma le potenzialità della band possono portare sicuramente su strade migliori. Smarriti!

Voto recensore
6
Etichetta: Nuclear Blast / Audioglobe

Anno: 2007

Tracklist: 01. Exordium (intro)
02. Vanish Away
03. Final Warning
04. That's Why I Despise You
05. The Fraud
06. Into The Arms Of Misery
07. Perdition For All
08. Now Or Never
09. Aftermath
10. Everything Undone
11. Contraddictions
12. Retain The Scars
13. Exitus (outro)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login