Unearthly Trance – Recensione: In The Red

Ricordate la precedente folle release, titolata ‘Season Of Seànce, Science Of Silence"? Quell’amalgama pastoso, melmoso e nero, quasi claustrofobico? Ecco. Unearthly Trance -Brooklyn, NYC- è nuovamente alla carica, con ‘In the Red’: un’opera dilaniante. Si spinge fino all’adorazione dell’annullamento dell’io, e alla misantropica realizzazione che siamo tutti perduti… e felici di ciò. Passando da suoni profondi come l’inferno, e giocando su dissonanze stridenti, prese dai Neurosis, voci ruvide e terrificanti, traballanti drumming simil-tribali, questo album -a differenza del precedente- si tinge di colori forti, di uno in particolare: il rosso sangue. Un meeting fra Darkthrone e Melvins sotto un cielo crepuscolare -illuminato debolmente da una luna spettrale- di una nera metropoli insanguinata, e una spiccata sensibilità verso il noise-rock (Unsane e NYC-Nausea su tutti). La formula bluesy non è stata del tutto abbandonata -certo diminuita- e la maniacale ossessione nell’incutere timore in chi ascolta è sempre presente. Slabbramenti nelle ritmiche e inflessioni demoniache nelle distorsioni della voce rendono ‘In the Red’ uno dei picchi evolutivi a cui il doom più acido e nero -o quantomeno, questo tipo di "black doom"- mira. E la titletrack ne è l’esempio concreto. Un nuovo punto di riferimento per l’ultra-violenza sonora. Anche se con ‘Turning Piss Into Gold’ l’insana cattiveria nera è accantonata -giusto un attimo- avendo sonorità meno roboanti e tonanti. Ma i suoni sono più freddi e taglienti, le ritmiche in ripetizione (quasi in loop) fino alla nausea… C’è un oscuro alone di fascino, spaventoso, ipnotico e tentatore. ‘In The Red’ potrebbe essere il trampolino di lancio per un futuro luminoso, anche se la musica è nera come la pece (o rossa come il sangue).

Voto recensore
8
Etichetta: Rise Above / Audioglobe

Anno: 2005

Tracklist:
01 Penta(grams)
02 It Is The Never And Forever That You Fear
03 In The Red
04 Possession In Poverty
05 Turning Piss Into Gold
06 Deathothic

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login