Implore – Recensione: Subjugate

Tornano gli Implore con il loro nuovo “Subjugate”, pubblicato sotto l’egida della Century Media Records: il quartetto composto da Gabriel (basso, voce), Petro (chitarra), Markus (chitarra, voce) e Guido (batteria) porta nuovamente il mix di grindcore, death e crust al pubblico con quattordici tracce pronte ad incendiare gli animi e le casse di chi si avvicinerà a questo CD.

La materia presente è fortemente caustica come giustamente si richiede e pronta a descrivere in musica le bruttezze della società odierna: un genere come questo deve essere tale, diretto e ipercinetico, in grado di fare male così come gli Implore sono in grado di fare. L’incipit di “Birth Of An Era” è basato su un rumore primigenio di sottofondo e feedback che aprono per un pezzo dal riff death sul quale si innesta un tempo grind che soltanto nella parte centrale fa riprendere il fiato per un attimo; i cinquanta secondi di “Loathe” tramortiscono mentre le vocals convincenti alternate ai mortiferi passaggi in velocità di “Cursed Existence” preparano la strada a “Paradox”, dal tiro micidiale e varia dall’inizio alla fine.

Nonostante “Subjugate” sia stato composto in un mese soltanto tutto quadra e la varietà di brani come l’alienante “Disconnected From Ourselves” dove hardcore, metal e grind circondano un assolo azzeccato e vanno a confluire in un lancinante urlo finale, o “Totalitarian” in cui nuovamente la velocità incontra la muscolarità dell’hardcore riescono a fungere da ottimi portabandiera della proposta del gruppo. “Patterns To Follow” offre aperture death, “Ecocide” è più scandita e con samples vocali, “Technology A Justification For Calling” è – come si può evincere dallo stile del titolo – un massacro grind che lancia la parte finale del CD con altri brani da menzionare come “Boundary”, coi suoi 58 secondi di follia cieca, e la notevole “Untouchable Pyramid”.

Cosa manca dunque a questo “Subjugate”? Assolutamente niente! Tutto ciò che si desidera in un moderno lavoro grind si trova qui e sinceramente non si può chiedere di meglio agli Implore, che passano l’esame del secondo full length e convincono.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Century Media Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Birth Of An Era 02. Loathe 03. Cursed Existence 04. Paradox 05. Disconnected From Ourselves 06. Totalitarian 07. Patterns To Follow 08. Ecocide 09. Technology A Justification For Killing 10. Cult Of El 11. Desolated Winds 12. Boundary 13. Untouchable Pyramid 14. Gazing Beyond
Sito Web: https://www.facebook.com/imploreband/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login