Trauma – Recensione: Imperfect Like A God

Quasi sconosciuti dalle nostre parti i polacchi Trauma sono invece una band dalla solida esperienza in grado di portare avanti con dignità la bandiera del death metal classico, senza apportare grandi modifiche allo stile, ma forti di una preparazione tecnica ed una convinzione che li elevano dalla massa. Unico rammarico è che dopo l’ottimo ‘Suffocated In Slumber’ ci aspettavamo un salto in avanti decisivo che purtroppo non possiamo registrare. ‘Imperfect Like A God’ segue infatti i passi del suo predecessore, imponendo uno stile perfettamente equilibrato tra variazioni ritmiche e brutalità, ma senza quella marcata personalità che potrebbe rendere la band inimitabile. L’unica vera novità la troviamo nella maggiore presenza di riff chitarristici collegati idealmente al suono psychedelic-thrash che una band come i Voivod ha portato alla sua massima qualità espressiva. Pur rappresentando un ennesimo punto di forza e varietà ci sembra che la band non abbia voluto spingere troppo sulla sperimentazione ed abbia quindi relegato questo aspetto ad un ruolo di rifinitura, lasciando ancora ampio spazio all’aggressività e alla velocità di un tempo. Fatto questo piccolo appunto dobbiamo però rilevare come la qualità generale di quanto messo in atto sia da top band, sia per il livello delle composizioni che per quanto riguarda registrazione e produzione (molto ben distinguibili i singoli strumenti). Non sono riscontrabili difetti e brutture nelle nove tracce proposte e una tale bravura fa necessariamente dei Trauma una band da tenere comunque in ampia considerazione.

Voto recensore
7
Etichetta: Adipocere / Masterpiece

Anno: 2004

Tracklist: 01. Blade Under Your Throat
02. The Hidden Seed
03. The Madness Here
04. Beyond the Perception
05. Imperfect Like a God
06. Make Me Blind
07. Spiritual Disorder
08. Perplexity of Truths
09. Outrage To Fools

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login