Images At Twilight – Recensione: Kings

“Kings” è l’esordio convincente degli Images At Twilight, band dedita ad un maestoso e riuscito black metal che potremmo definire “orchestrale” ancor più che sinfonico. Infatti ogni traccia del debutto della gruppo di Ås è caratterizzato ed infarcito dalle parti di tastiera e piano di Andre Aaslie (Gromth) che penetrano profondamente nella matrice compositiva e la marchiano a fuoco. Si può quindi affermare che i brani degli Images At Twilight sono molto più identificabili di gran parte dei gruppi di black sinfonico e che possono risultare, per dare un’idea, un incrocio perfettamente riuscito fra l’idea sinfonica dei Dimmu Borgir e le orchestrazioni dei Bal Sagoth.

Aggiungiamo che spesso la durata dei brani dei norvegesi è decisamente ampia, come nel caso di due suite che raggiungono quasi i quindici minuti e di conseguenza lo sviluppo esecutivo riflette una discreta complessità dal punto di vista esecutivo e compositivo. In particolare si rimane estasiati dalle evoluzioni della lunga “Ninhagaz” in cui passaggi di pianoforte ed orchestrazioni si alternano ad accecanti accelerazioni e sono riconoscibili perfettamente anche nelle fasi più brutali. E’ poi da sottolineare anche la pregevole interpretazione al microfono di Narrenschiff (ex-Ásmegin); lo screaming del singer, già abbastanza vario, è infatti arricchito da inserimenti di brevi parti parti declamanti e pulite che ne arricchiscono l’enfasi e che sono eseguite da Andre Aasli e Viti (basso).

Nel CD non mancano poi anche brani più diretti e distruttivi come “Lograttin Part II” o “Zatholach” in cui si esaltano la parti estreme ma mai banali delle chitarre di Bolverk (Ragnarok) e della batteria terremotante di Andres Faret Haave (Defect Designer, Gabbathor, ex Blood Red Throne).

Altra tipologia di pezzo dei nostri è rappresentato da “Created To Destroy” o “Awakening Of The Stars”, ossia una tracce di sole orchestrazioni che risultano estremamente evocative, maestose e potenti anche senza chitarre e batteria… brani da colonna sonora perfetti per un film fantasy.

A chiudere la descrizione del CD non possiamo omettere che l’intero album, dal punto di vista dei testi, è infatti un affascinante concept fantasy scritto da Andre Aasli; in questo racconto si presenta il mondo, prima dell’avvento della razza umana, dominato da creature extraterrestri e da conflitti epici e grandiosi. In questa mitologia alternativa l’uomo viene creato da una di queste creature mitiche, ossia Kaizanbar.

Nel complesso quindi “Kings” è quindi un’opera che risulterà senz’altro affascinante per tutti i fan del black più orchestrale e maestoso.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Indie Recordings

Anno: 2015

Tracklist:

01. Lograttin Part I (The Saga Of The Ancient Warlords Chapter III) 6:16
02. Ninhagaz (The End Of An Era Chapter I) 13:08
03. Lograttin Part II (TSOTAW Chapter IV) 6:00
04. Created To Destroy (TSOTAW Chapter V) 4:44
05. Awazor (TSOTAW Chapter I) 8:36
06. Kaizanbar (TEOAE Chapter II) 15:00
07. Zatholach (TSOTAW Chapter II) 8:22
08. Awakening Of The Stars (TEOAE Chapter III) 6:22


Sito Web: https://www.facebook.com/imagesattwilight00/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login