Icy Steel – Recensione: Icy Steel

Dopo un buonissimo DemoCD i sardi Icy Steel giungono al debutto per l’etichetta tedesca Pure Steel Records ed il lavoro svolto si presenta decisamente interessante ed articolato.

La band si pone nello stesso calderone elitario di gruppi italiani vicini a sonorità epic metal anni ’80, come Assedium, Wotan o Doomsword. Di conseguenza parliamo di una scelta ben precisa che fuoriesce dagli schemi moderni del power e rimane inchiodata allo stile datato e corrusco di gruppi come Manilla Road, Candlemass o primi Manowar.

Il disco che recensiamo si fa apprezzare in virtù di schemi compositivi abbastanza elaborati, per il genere, ma soprattutto per la non prevedibilità che li contraddistingue.

Di fatto molti brani raggiungono e superano i sei minuti di durata e questo in virtù di cambi di tempo e differenti tematiche armoniche/melodiche.

Altra caratteristica importante del CD è che generalmente i nostri rimangono ancorati ad un ritmo cadenzato e difficilmente si ascoltano accelerazioni o parti veloci. In questo gli Icy Steel ricordano molto i Doomswod, ma da questi si differenziano per un’importanza maggiore affidata a melodie più solari ed una più sottolineata enfasi solenne ed epica, soprattutto in pezzi come ‘Wind Of War’ o ‘Me, River’.

Inoltre i singoli musicisti sono davvero ben preparati e colpisce la maturità di ottimi assoli di chitarra come quello eseguito da Stefano Galeano (anche singer) in ‘The Man Without End’. Unico difetto è la pronuncia inglese di Stefano, che comunque dimostra di essere un ottimo cantante in diverse occasioni, come la viscerale e cupa interpretazione di ‘Secret Of Rune’.

Forse la registrazione poteva esere resa un po’ più viva e dinamica ma è chiaro che agli esordi le super produzioni sono solo un sogno.

Indubbiamente, quindi, ‘Icy Steel’ rappresenta un buonissimo punto di partenza per questa band che si è votata ad un epic metal lento e potente, melodico e cupo. Consigliatissimo.

Voto recensore
8
Etichetta: Pure Steel / Andromeda

Anno: 2007

Tracklist: 01. Riding To The Battle
02. Me, River
03. The Man Without End
04. Spatial Dinasty
05. Wind Of War
06. Valley Of The Dragon
07. Secret Of Rune
08. I See Steel
09. Corrupted King
10. Pandemonic Ride (The Last March)

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login