Ibridoma – Recensione: Ibridoma

Dopo 8 anni e due Ep anche gli Ibridoma arrivano al primo full length, pubblicato sa Sg Records, label decisamente attiva nel promuovere l’underground italiano. Già con le precedenti uscite, la band si era distinta per un sound diverso dal solito, basato soprattutto sulla melodia e sulla classe più che sui classici clichè metal. Heavy metal melodico è la migliore definizione per il sound degli Ibridoma (per quanto possa essere un etichetta molto vaga) ma decisamente più robusto in questo album omonimo. Lo si capisce già dall’accoppiata “Red”/”I’m not Sorry” che sfoggia un cantato molto più aggressivo di Ivan Bertolacci (già attivo anche con Scala Mercalli) ed un impostazione che richiama anche il thrash, elemento nuovo nel sound degli Ibridoma. Ma la melodia resta il punto focale ed emerge prepotente in “Ibrido”, cantata in italiano con qualche punto di contatto con la musica melodica nostrana. Ritornano gli stessi elementi anche nella ballad “Jenny” che però tra malinconia e tristezza tende a scadere nel lamento tipico italiano. Poco male comunque perché l’album cammina ben saldo con le proprie gambe, proponendoci un sound decisamente fresco per i tempi che corrono e dimostrando una netta evoluzione sia in fase di songwriting che nella produzione, migliorata rispetto alle precedenti uscite. Buona prova quella degli Ibridoma, un metal intelligente e diverso dal solito.

Voto recensore
7
Etichetta: SG Records

Anno: 2009

Tracklist: 01. Red
02. I’m Not Sorry
03. Ibrido
04. Alone in the Wind
05. Jenny
06. Night Falling
07. Night of Crow
08. Page 26
09. Lady of darkness

Sito Web: http://http//www.myspace.com/ibridoma

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login