Human Fortress – Recensione: Epic Tales & Untold Stories

A poco più di un anno da “Reign Of Gold” gli Human Fortress ci propongono un doppio album formato nella prima parte da pezzi nuovi, rari o comunque inediti e la seconda metà dai migliori brani dei dischi precedenti della band tedesca.

Questa separazione rende ancora più evidente le differenza tra le novità e le vecchie canzoni, con una netta vittoria per i secondi più originali e più coinvolgenti.

Purtroppo i nuovi pezzi non sono all’altezza della storia della band, in sé non sono brutti, ma sono tutti un po’ molli e un po’ banali, diciamo che dagli Human Fortress ci si sarebbe aspettato qualcosa di più e l’idea che rimane è che siano un riempitivo per quello che è a tutti gli effetti un best of.

Solo il singolo, “The Grimoire”, malgrado un intro decisamente poco innovativo, grazie a qualche passaggio interessante e dopo un po’ di ascolti riesce a smuovere l’animo metallaro che è in noi.

In “Disappear In Dark Shadows” la situazione peggiora con un pezzo un po’ troppo semplice e ripetitivo. Ci riprendiamo con “Vain Endeavour” che se non altro ha un piglio più aggressivo ma che alla lunga diventa troppo lineare.

Free” è un lentone melenso che però alla fine non centra il cuore, “Fernweh” è un po’ più interessante con un buon tappeto sonoro e un po’ più di anima; segue una nuova versione di “We Are Legion” dall’album Defenders of the crown cantata dall’attuale cantante Gus Monsanto.

Cruel Fantasy” come il resto dell’album manca del piglio giusto e non riesce mai a decollare malgrado qualche idea niente male. Conclude la prima parte la versione orchestrale di “Pray For Salvation” da Raided Land.

Da questo punto in poi si capisce la delusione per le prime 8 canzoni perchè gli Human Fortress ci fanno vedere le loro vere potenzialità con 15 pezzi grandiosi, vari e tutti significativi tra cui è difficile scegliere il migliore.

Impossibile non farsi coinvolgere da pezzi come “Defenders Of The Crown”, “Dark Knight” o “Rise Or Fall” sono bombe di Epic Power che non possono lasciare indifferente nessun metallaro.

Capiamoci la matrice è la stessa ma la cilindrata completamente diversa. Nella prima parte viene da dire “bravo ma non si applica” visti i risultati della seconda.

Etichetta: Massacre Records

Anno: 2021

Tracklist: CD 1 1. The Grimoire 2. Disappear In Dark Shadows 3. Vain Endeavour 4. Free 5. Fernweh 6. We Are Legion (Gus Version) 7. Cruel Fantasy 8. Pray For Salvation (Orchestral Version) CD 2 1.Lord Of Earth And Heavens Heir (Edit Version) 2.The Dragons Lair 3.Defenders Of The Crown 4.Border Raid In Lions March 5.Gladiator Of Rome (Part 1) 6.Gladiator Of Rome (Part 2) 7.Wasted Years 8.The Chosen One 9.Dark Knight 10.Thieves Of The Night 11.Rise Or Fall 12.Thrice Blessed 13.Lucifer's Waltz 14.Surrender 15.Thunder
Sito Web: http://www.human-fortress.de/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login