Gotthard – Recensione: Homerun

Esempio perfetto di come tradurre le regole non scritte del rock americano filtrandole attraverso la sensibilità e il gusto melodico europeo, in ‘Homerun’ gli elvetici Gotthard hanno probabilmente raggiunto l’apice compositivo di una carriera che va ancora avanti a gondie vele.

L’album comincia in maniera entusiasmante – dopo un’interlocutoria quanto breve intro – con ‘Everything Can Change’, subito in vetrina uno Steve Lee ispiratissimo e convincente più che mai. Tra Bryan Adams e Bon Jovi, ma con quel pizzico di allegria ed esuberanza in più a colorarne di personalità la proposta musicale, i Gotthard mettono in fila una serie di pezzi mediamente meno hard del loro standard, ma sublimati da chorus ad effetto macinati a raffica. Il tutto eseguito con una classe ed una raffinatezza invidiabili, e prodotto in maniera semplicemente perfetta dal chitarrista Leo Leoni e da Chris von Rohr. Non mancano cliché insostituibili come le chitarre wah wah (‘Light In Your Eyes’) e la ballad iperromantica fatta per sciogliere anche i cuori più duri a resistere (‘Heaven’). O, ancora, l’acustica ‘Lonely People’, ad emulare con successo ‘More Than Words’. Pelle d’oca per ‘Say Goodbye’, altro pezzo lento e romantico: ecco, quello che potrebbe essere additato come difetto, ovvero lo sbilanciamento verso sonorità più soft, proprio grazie all’interpretazione appassionata di Steve Lee diviene punto di forza, in un crescendo emotivo che non conosce soste o cali di sorta. Perché la successiva ‘Reason To Live’ e ‘Come Along’ proseguono sulla stessa scia, e conquistano con la forza della semplicità. E si perdona anche la chiusura forse eccessivamente sentimentale di un pezzo come ‘Homerun’ a quello che è un grandissimo album, uno dei tanti esempi di come i Gotthard non abbiano avuto fuori dalla patria il successo che si sarebbero meritati.

Etichetta: BMG

Anno: 2001

Tracklist: 01. Wun Ga-Li
02. Everything Can Change
03. Take It Easy
04. Light In Your Eyes
05. Heaven
06. Lonely People
07. Fly Eagle
08. End Of Time
09. Say Goodbye
10. Reason To Live
11. Come Along
12. Homerun
13. Dirty Weekend

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login