Hollow – Recensione: Between Eternities Of Darkness

Il ritorno degli Hollow alla discografia dopo vent’anni dall’ultimo disco “Architects Of The Mind” consiste in un concept album con elementi di power e progressive metal. In realtà, gli Hollow, band svedese formata negli anni novanta, è attualmente il progetto da solista di Andreas Stoltz, chitarrista, cantante e compositore. Questo comeback album racconta la storia di una famiglia che sta attraversando un brutto periodo, pieno di avversità. Una madre cerca di proteggere il figlio, ma anche se animata dalle migliori intenzioni, lui viene guidato sulla strada sbagliata da un gruppo di amici. Lo stile musicale rimane sempre melodico, atmosferico, pieno di emozioni e la voce di Stoltz resta invariata nel tempo, acuta, passionale, subito riconoscibile, forse un po’ difficile da assimilare all’inizio, ma andando avanti diventa apprezzabile. Anche se l’argomento dell’album ci porta nell’oscurità, ci sono melodie energiche e memorizzabili in questi dieci brani. Il cantante si impegna davvero per raccontare la storia nel modo migliore e in questo tentativo è davvero efficace. Ci sono riffs potenti in molte canzoni, come “Travel Far”, con elemeti thrash, “Pull Of The Undertow” e “Hidden”. Il miglior brano forse è la ballad “Shadow World”, dove il passaggio dalla chitarra acustica alla parte più melodica avviene in maniera eccellente, ma anche il cantante contribuisce alla creazione di un’atmosfera dark, passionale. “The Road I’m On” è una track heavy, energica, che racconta la speranza che rimane sempre viva, ma segue “Death Of Her Dream”, che ci porta alla conclusione che i sogni sono esauriti e “Say Farewell“. Se qualcuno si chiedeva dove si fossero persi gli Hollow dopo la doppietta pubblicata da Nuclear Blast, eccoli riapparire con “Between Eternities Of Darkness”. Sicuramente, la loro ricomparsa dopo vent’anni è un azzardo, ma gli Hollow hanno pubblicato un album degno del loro passato. Consigliato ai fans di Queesnryche e del progressive metal in generale.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Rockshots Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Travel Far 02. Fate Of The Jester 03. Down 04. Pull Of The Undertow 05. Shadow World 06. Hidden 07. Calling 08. The Road I’m On 09. Death Of Her Dream 10. Say Farewell

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login