Adam West – Recensione: Hi-Balls Are Rolling

Fresco reduce del tacco di Ibrahimovic, e dalla delusione seguente, ero sicuro di poter contare almeno sul nuovo disco di Adam West per potermi risollevare il morale. Invece no.

Non e’ il nuovo disco, quanto piuttosto una maxi-raccolta che racchiude l’omonimo Ep del 2001 e lo espande con B-side, C-side, cover e altri ammennicoli rispolverati a nuovo per l’uopo.

Purtroppo niente a che vedere con l’ottimo, ultimo, ‘God’s Gift To Women’ ma una pappa che niente aggiunge, e comunque niente toglie, a questa ottima band statunitense.

Anche le cover non rappresentano niente di eccezionale, con ‘Supernaut’ che lascia veramente il tempo che trova, insieme a ‘Sin City’ e ‘Psycho Therapy’. Gli Adam West danno il meglio quando giocano in casa: nei brani della propria produzione, come nel riff trascinante di ‘Your Wish Is My Command’ o nel coro quanto mai immediato di ‘Sizzleen’, o nelle cover piu’ vicine al loro modo di essere e di intendere la musica, quali ‘Real Cool Time’ degli Stooges o ‘Burned My Eye’ dei Radio Birdman. In definitiva questo cd rappresenta un ottimo ponte in attesa del nuovo disco in studio vero e proprio, fornendo allo stesso tempo un documentario esauriente sulla sterminata serie di singoli, split ed Ep pubblicati dalla band a cui dovrebbe fare seguito una “Hi-Balls 2” già prima della fine dell’anno. Ma per qualcosa di più concreto e più allettante è meglio rimettersi in attesa.

Etichetta: People Like You / Self

Anno: 2004

Tracklist:

01. Hi-Ball
02. Your Wish Is My Command
03. Nine
04. Cruiser
05. Sin City
06. Cold Sweat
07. Asteroid B-612
08. Neat Neat Neat
09. Psycho Therapy
10. Sizzleen
11. Supernaut
12. Piece of Ass
13. Iron Chain
14. Kiss of Steel
15. Real Cool Time
16. Yr Days Are Numbered, Motherfucker
17. Have Your Way With Me
18. Burned My Eye
19. Dog Meat
20. SWLABR


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login