Helloween – Recensione: Skyfall

Il ritorno discografico degli Helloween in formazione a sette, con tutti i membri originali e rafforzato da validissime nuove leve, è certamente l’Evento Metal del 2021, poco da aggiungere. Si potrebbe ovviamente dire che tutto questa sia una operazione commerciale, costruita per rilanciare sia la band che i vari musicisti coinvolti, ed infatti la Nuclear Blast punta moltissimo su questo comeback, basterebbe vedere quante siano le diverse versioni pubblicate del primo singolo “Skyfall”, in cd, e vinili colorati, e gadget variopinti e fantasiosi. Tutto suona “in grande stile”, e se volessimo mettere in dubbio la sincerità della nuova amicizia esplosa tra Michael Weikath, Kai Hansen e Michael Kiske, oppure ll rapporto di grande intesa che sembra essere nato tra lo stesso mitico cantante ed il suo sostituto Andi Deris, sarebbe una mossa ovvia e quasi prevedibile.

Ebbene, nei vari tours precedenti allo stop dovuto alla pandemia, la band ha dimostrato di essere in grande forma ed affiatamento, portando sul palco una attitudine fatta di grandi intese e profondi sorrisi reciproci. Il ritorno a registrare nuove canzoni in studio non era certo dato per scontato, e sembra proprio la risultanza della curiosità dei sette ragazzi di vedere cosa sarebbe potuto nascere da questa grande alleanza musicale, con tre cantanti e diversi compositori brillanti a confronto.

La vera risposta arriverà di certo il 18 giugno prossimo, con l’uscita di “Helloween”, una semplice e chiara dichiarazione di intenti che viene anticipata qui con questo “Skyfall”, accompagnato con un video visivamente strepitoso e degno delle grandi produzioni Marvel, che narra di una accidentale “caduta” di un disco volante sulla terra e di un alieno salvato e recuperato da un Andi Deris in versione “Iron Man”. E’ una scelta peculiare, perché la versione originale della canzone, composta da Kai Hansen, dura circa dodici minuti, ed invece l’edit del singolo ne dura soltanto sette. Forse avrebbe avuto più senso scegliere un brano più breve e diretto, ma probabilmente gli Helloween hanno voluto subito “mostrare i muscoli” e portare alla luce una composizione che possiede, sia un refrain orecchiabile e classicissimo, direttamente arrivato dagli anni dei “Keepers”, che diverse soluzioni vocali e strumentali quasi progressive e ricche di cambi di tempo ed arrangiamenti sfarzosi e sorprendenti.

La produzione è assolutamente stellare, la band ha deciso di registrare completamente in analogico con i produttori Charlie Bauerfeind e Dennis Ward, dando risalto alla potenzialità di ogni singolo strumento, non soltanto le ricche e roboanti tre chitarre ma una terremotante batteria di Dani Löble ed una partitura di basso assolutamente esaltante, da parte di Markus Großkopf, un elemento cardine negli equilibri del gruppo ed assolutamente sottovalutato.

Arrivando ai cantanti, viene dato ovvio e grande risalto alla vocalità piena ed esplosiva di Michael Kiske, veramente in forma eccellente, a cui viene permesso di esprimersi anche su tonalità leggermente più basse ed espressive, ed in questo caso Andi Deris non sembra in primo piano, anche rispetto alla buona prestazione di Kai Hansen, ma siamo sicuri che gli equilibri, nei dodici pezzi del disco completo, saranno ben diversi.

Unico ovvio difetto che risulta all’ascolto, è che i diversi cut che la canzone ha subito l’hanno resa, nella versione single edit, una sorta di patchwork che non rende giustizia al reale valore della composizione. Le singole parti sono esaltanti, ma si sente chiaramente che mancano alcuni raccordi armonici e che il tutto è stato condensato per arrivare ad un minutaggio minore.

Possiamo aggiungere che il singolo “normale” contiene anche una versione completa della canzone, ma con un mixaggio diverso sulle parti vocali, e la versione in vinile contiene “Indestructible”, che sarà presente anche nel disco in uscita a giugno. In conclusione, questa piccola anticipazione di “Skyfall” risulta assolutamente soddisfacente e ci dà esattamente quello che ci saremmo potuti aspettare dagli Helloween, con la sensazione che la band si sia veramente molto impegnata per offrirci un nuovo disco che non sia solo un “compitino” oppure un modo furbo per spillare denaro ai fans. L’ispirazione sembra integra ed autentica, e questo prevale su tutto. Bentornate, Zucche di Amburgo!

Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2021

Tracklist: 1. Skyfall (Single Edit) 2. Skyfall (Exclusive Alternative Vocals Mix)
Sito Web: https://www.helloween.org/

Antonino Blesi

view all posts

Ascolta metal dal 1983, ha 46 anni e non vuole certo smettere. La passione vince su tutto, e sarà anche scontato, ma la buona musica non morirà mai, finchè qualcuno continuerà a parlarne ed a canticchiare un vecchio refrain....

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login