Torture Squad – Recensione: Hellbound

Sono giunti al quinto full-lenght i brasiliani Torture Squad spegnendo la loro quindicesima candelina come band. Nel 2007 hanno vinto la Metal Battle al prestigioso festival di Wacken aggiudicandosi oltre che una maggiore notorietà, un contratto con la Wacken Records, divisione della Armageddon Music, distribuita da Spv. Un bel passo in avanti per il gruppo che dopo un botto del genere non poteva assolutamente deludere fan e metallari in genere con un disco mediocre. E così fortunatamente non sarà. “Hellbound” parte con l’intro “MMXII” sinfonica, quasi da colonna Sonora, dalle sonorità medio-orientali. Dopo l’apparente calma parte “Living for the Kill” che non lascia prigionieri; death-thrash suonato con gli attributi, dinamico, con continui cambi di ritmo, nervoso quanto basta. Si notano subito le qualità dell’ottimo cantante Vitor Rodrigues, che riesce a passare dal ringhio tipico di Mille Petrozza (Kreator) alla malignità di Jon Nodtveidt per poi sfociare nel growl mai troppo pesante. “The Fall of man” ci mostra il lato più puramente death della band, lasciato un po’ in disparte nelle prime tre tracce per poi omaggiare il thrash di Slayer e Kreator nella potentissima “Chaos Corporation”, già pubblicata su Ep. “Man behind the Mask” conferma la bontà del songwriting della band, con un refrain ed un ritornello veramente originale e nervosissimo. Altro pezzo forte di “Hellbound” è la comlessa “Twilight of the Mankind”, che fa della melodia il suo asse portante, senza dimenticare aggressività e violenza. Performance straordinaria di Castor al basso, che delinea linee ritmiche mai banali donando straordinaria compattezza ai brani. Diciamo che l’album segue il percorso iniziato con “Pandemonium” del 2003 abbandonando l’eccessiva rudezza degli esordi. L’album riesce persino a rievocare lo stile del mitico “The gathering” dei Testament, fondendo growl e cantato aggressivo, death e thrash (ovviamente non siamo allo stesso livello, sia chiaro). Consigliato.

Voto recensore
7
Etichetta: Wacken Rec / Spv

Anno: 2008

Tracklist: 01. MMXII
02. Living for the Kill
03. The Beast Within
04. The Fall of Man
05. Chaos Corporation
06. Man behind the mask
07. In the Cyberwar
08. Twilight of the Mankind
09. The Four Winds
10. Hellbound

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login