Mpire Of Evil – Recensione: Hell To The Holy

Quella degli Mpire of Evil è veramente una storia tormentata, tra scioglimenti repentini, cambi di monicker e quant’altro ora si aggiunge anche la dipartita di Antton, batterista della band nonchè fratello di Cronos. Fortunatamente però l’uscita del musicista è avvenuta solo dopo le registrazioni di questo primo full length “Hell To The Holy”. La formazione quindi è la stessa del precedente Ep Creatures of the Black, con Tony “Demolition Man” (Venom/Atomkraft) alla voce e basso, Mantas (Venom) alla chitarra e Antton (Def Con One, Venom) alla batteria.

Come già detto per il già citato Ep, ovviamente gli Mpire of Evil si rifanno al black’n’roll dei Venom, riformando per 2/4 la line up di Prime Evil ma con “Hell To The Holy” mancano il bersaglio. Nessuno si aspettava di certo grandi novità da questo album ma, anche a fronte del discreto “Fallen Angels” dei “rivali” Venom di Cronos, l’album scorre in modo anonimo senza trasmettere nulla di interessante, con buona parte dei brani scontati e monocordi. In verità Mantas e soci cercano di andare oltre quello che è il classico sound black’n’roll nato dall’accoppiata “Welcome To Hell”/”Black Metal”, ma si fermano fallacemente a metà strada. Infatti da un lato mantengono quell’approccio sporco e grezzo, con un produzione volutamente ignorante, dall’altro i pezzi sono tutt’altro che immediati e divertenti, con un minutaggio spesso eccessivo (la titletrack e “The 8th Gate” oltre gli otto minuti mettono alla prova chiunque) e un approccio più moderno e thrasheggiante nel songwriting che però non combacia con le linee vocali di Dolan, decisamente più hard’n’roll. Insomma un pasticcio abbastanza indigesto, una via di mezzo che difficilmente accontenterà qualcuno.

Se l’opener “Hellspawn” e qualche sparuto episodio più diretto e senza fronzoli dopotutto non dispiacciono, l’album nel suo complesso risulta abbastanza deludente. E’ triste ma gli Mpire of Evil risultano molto più divertenti quando coverizzano altre band come nel precedente Ep. Magari dal vivo con qualche classico dei Venom prima e seconda era potrebbero anche essere divertenti, ma l’impressione è che se in line up non ci fossero nomi celebri, “Hell To The Holy” verrebbe cestinato senza pietà.

Voto recensore
5
Etichetta: Scarlet Records

Anno: 2012

Tracklist:
01. Hellspawn 03:58
02. Metal Messiah 05:15
03. Waking Up Dead 04:21
04. Hell To The Holy 08:01
05. Snake Pit 04:12
06. All Hail 04:12
07. Devil 06:16
08. Shockwave 04:54
09. The 8th Gate 08:14
10. M-pire (Prelude) 03:27

Sito Web: http://mpireofevil.tripod.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login