Sister – Recensione: Hated

I Sister sono una giovane formazione svedese che si è formata nel 2006 e dopo una gavetta fatta a base di  costanti tour, è riuscita a costruirsi un discreto seguito in patria e all’estero. Nel 2009 realizzano un ep :“Dead Boys Making Noise” che riceve ottime recensioni da parte degli addetti ai lavori e suscita anche l’interesse della storica e prestigiosa etichetta Metal Blade, che di li a poco decide di metterli sotto contratto e fa uscire il loro debutto “Hated”.

La band a dispetto della giovane età, sembra avere le idee ben chiare e sforna un album bello compatto e omogeneo di potente sleaze rock, influenzato abbondantemente dal punk rock e dall’immaginario horror che va tanto di moda ai giorni nostri, fatto di vampiri (basta pensare al monicker del chitarrista, Lestat) e scorribande nei cimiteri. Musicalmente mescolano le sonorità del Sunset Strip, care ai primi Motley Crue, con l’approccio moderno di act quali Murderdolls e Wednesday 13 e il risultato sono undici pezzi robusti, veloci ed energici che trasudano da tutti i pori la voglia di andare contro le regole e di non voler uniformarsi alle masse.

Brani certo non originali, ma che riescono comunque ad imprimersi nella mente dell’ascoltatore e far alzare il volume dello stereo al massimo, come nel caso della terremotante “Bullshit & Backstabbing” e la horror punk “Werewolves On Blackstreet”. “Would You Love A Creature”, è l’unica ballad presente e risulta trascurabile e un po’ anonima, fortunatamente gli ultimi due pezzi “Too Bad For You” e “Drag Me To The Grave”, danno la spinta finale nella giusta direzione ad un album convincente e divertente.

Voto recensore
7
Etichetta: Metal Blade

Anno: 2011

Tracklist:

01. Radioactive Misery
02. Body Blow
03. Bullshit & Backstabbing
04. Hated
05. Motherfuckers (Like You)
06. Werewolves On Blackstreet
07. Spit On Me
08. The Unlucky Minority
09. Would You Love A Creature
10. Too Bad For You
11. Drag Me To The Grave


Sito Web: http://www.sisteronline.net/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login